Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Servizio Centrale di Protezione: in che mani i poveri collaboratori e testimoni di giustizia

Di la tua | AntimafiaDuemila

Servizio Centrale di Protezione: in che mani i poveri collaboratori e testimoni di giustizia

collaboratori testimoni giustiziada articolotre.com
E’ recentissima la notizia della cresta di 600 mila euro sistematicamente praticata da un poliziotto e da due funzionari del Servizio Centrale di protezione, sui fondi destinati ai collaboratori di giustizia.
Poveri collaboratori e testimoni di giustizia, in che mani sono finiti.
Personalmente ho l’impressione che siano, come si suol dire, caduti dalla padella alla brace.
Si tratta di persone, i primi, fuorusciti da confraternite di malaffare, oppure, i secondi, soggetti che hanno denunciato situazioni vessatorie e insostenibili, e sono precipitati tra le grinfie di un nucleo di mariuoli, che approfittano della loro condizione.
Collaboratori e testimoni di giustizia, convinti di essere garantiti e protetti da uno Stato che promette mari e monti, ma in realtà li abbandona a se stessi.
Ma non è la prima volta che spariscono soldi destinati ai collaboratori e testimoni, già era accaduto tempo fa, parlo del 1999-2000, quando si volatilizzarono circa duecento milioni di lire in contanti, contenuti in una cassaforte in dotazione al Servizio Centrale di protezione.
Subito dichiararono che si sarebbe aperta un’inchiesta interna, talmente interna e per pochi intimi, che non se ne seppe più nulla.
Siamo davvero malmessi in Italia, ma proprio male, dal momento che l’incolumità di coloro che necessitano di protezione, deve essere garantita e gestita da mariuoli.

Tratto da: articolotre.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta