Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti 365 giorni senza Giulio

Di la tua | AntimafiaDuemila

365 giorni senza Giulio

fiaccolata 3Ad un anno dalla scomparsa di Giulio Regeni, una fiaccolata per chiedere giustizia e verità
di Jessica Pezzetta Savogin
Ieri, 25 gennaio 2017, è un anno esatto dalla scomparsa di Giulio Regeni, il ricercatore friulano che ha trovato il suo tragico destino in Egitto. Come molte città italiane, anche Fiumicello, in provincia di Udine, città di Giulio, ha organizzato una fiaccolata in sua memoria. Ci ritroviamo alle 19:00 nella piazza del paese, Piazzale dei Tigli. Nonostante il freddo pungente, siamo in molti ed il numero dei partecipanti continua ad aumentare (si stimano circa 1.500 persone), i volti commossi, mentre scorrono le note incalzanti della canzone preferita di Giulio, Sogna ragazzo sogna, di Roberto Vecchioni. Il sindaco Ennio Scridel, nell’aprire la serata, commenta il percorso delle indagini sul caso Regeni: "C’è un senso di assenza dello Stato italiano e dell’Europa. Questa vicenda conferma che dell’Europa dei popoli la cui essenza fu indicata da De Gasperi, da Spinelli, non è rimasto niente". E, in merito al video in cui Regeni parla con il capo del sindacato degli ambulanti, dichiara che "da quel video si ha la conferma che Giulio era un giovane onesto". Il sindaco, prima dell’accensione delle fiaccole, conclude dichiarando che il bisogno di verità "va incontro alle legittime richieste della famiglia, ma interessa anche tutti i cittadini di Fiumicello, del Friuli, dell’Italia, poiché non conoscere la verità lascia l’amaro in bocca e un senso di assenza".
Alle 19:41, ora in cui il giovane ricercatore è uscito dal suo appartamento al Cairo per non farvi più ritorno, osserviamo un minuto di silenzio con le fiaccole rivolte al cielo. Poi, con compostezza, ci spostiamo verso la vicina sala Bison, incapace di ospitare l’ingente numero di partecipanti, molti dei quali rimangono rispettosamente fuori per il resto della serata ad ascoltare attraverso gli altoparlanti posti sulla piazza. La musica emozionante di un duo è presto seguita dall’intervento dei ragazzi del Governo dei Giovani di Fiumicello, di cui Giulio era stato a suo tempo primo cittadino, i quali lo paragonano al protagonista di una favola di Gianni Rodari, Giacomo di Cristallo, un bambino trasparente, seppure di carne ed ossa, del quale è possibile, proprio per la trasparenza del suo corpo, vedere ogni pensiero. Diviene un uomo retto e giusto, molto amato dalla gente del suo paese proprio per la sua lealtà. Accanto a lui tutti diventano gentili. In questo periodo sale al potere un feroce dittatore e con lui iniziano prepotenze, ingiustizie e miseria. E chi osa protestare sparisce senza lasciare traccia. Il popolo vessato tace per timore delle conseguenze. Ma Giacomo non può tacere, poiché i suoi pensieri parlano per lui, pensieri di sdegno e di condanna per le violenze e le ingiustizie del tiranno. Idee che danno speranza alla gente. Per questo il dittatore lo fa arrestare e gettare nella cella più buia, i cui muri, però, straordinariamente diventano trasparenti, tutto intorno a lui diviene trasparente, anche le mura esterne del carcere e tutti finalmente possono di nuovo leggere i pensieri di Giacomo. Di notte, la prigione spande tutt’intorno una grande luce ed il tiranno, nonostante faccia tirare tutte le tende del suo palazzo, non riesce comunque a dormire. Anche in catene, Giacomo di cristallo è più forte di lui, perché la verità è più forte di qualsiasi cosa, più luminosa del giorno, più terribile di un uragano.


Raccontando questa storia, i ragazzi colgono profondamente il significato della vita e del lavoro dei tanti Giulio Regeni che fino ad oggi hanno perso la vita per spandere intorno a sé la verità scoperta e che non poteva essere taciuta. La verità va fatta conoscere, e per questo vale la pena combattere fino al sacrificio estremo, come ci hanno dimostrato tanti martiri, anche di mafia, due nomi tra tutti, Falcone e Borsellino, morti per essa e per un senso di giustizia e commemorati nel corso delle diverse testimonianze - tra le quali ricordiamo quelle del sindaco di Udine Furio Honsell, matematico e politico italiano, e del senatore del Pd Luigi Manconi, presidente della Commissione per i Diritti Umani - il cui messaggio principale è, appunto, di non stancarsi di cercare la verità. La verità sulla morte di questo ragazzo che costruiva ponti tra diverse culture.
Un’immagine di Giulio esposta sul palco fa da sfondo a tutti i relatori, si tratta del murale di Berlino. Paola e Claudio Regeni di recente si sono recati a Berlino proprio per fotografare questo murale di cui hanno creato una grande stampa, appunto quella esposta sul palco. Mamma Paola, nel ringraziare i presenti e quanti li sostengono in questa battaglia per la verità, racconta una “storia di famiglia”: un giorno, quando lei e Claudio, insieme alla figlia Irene e a Giulio si incontrarono a Berlino, ognuno proveniente da un luogo diverso, si scattarono una foto di famiglia, un po’ improvvisata, la loro foto più bella. Questo evento aveva già avvicinato i Regeni alla capitale tedesca e ora un artista vi ha rappresentato Giulio, anche se in realtà, come spiega Paola, "l’artista disegnò prima il gatto, che simboleggia l’Egitto ferito e successivamente il volto di Giulio" sul quale appare una scritta in arabo che significa “ucciso come un egiziano”. Il muro su cui è stato dipinto questo murale, spiega ancora la signora Regeni, ha sui due lati varie raffigurazioni di persone uccise o torturate a causa delle dittature. "Questa raffigurazione simbolica è il ponte", conclude Paola, la cui forza, come sempre, è sorprendente e capace di smuovere le folle.
Dopo l’intervento dei genitori di Giulio e del loro legale, Alessandra Ballerini, ci accomiatiamo al suono della chitarra, accompagnata da una splendida voce femminile che, in una platea già commossa, irrompe infine con le note di Hallelujah di Leonard Cohen, a conclusione di una sequenza di ballate che celebrano, ancora una volta, la libertà e la verità.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa