Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Vedi Vergognoso attacco alla giornalista Alessia Candito

Di la tua | AntimafiaDuemila

Vergognoso attacco alla giornalista Alessia Candito

da giornalistitalia.it
“Colpevole” di aver scritto sui fascisti candidati alle elezioni comunali di Reggio Calabria

Reggio Calabria. «Un attacco vergognoso e diffamatorio quello che il segretario provinciale di Reggio Calabria del Movimento Sociale Italiano, Giuseppe Minnella, ha rivolto alla giornalista Alessia Candito, corrispondente del quotidiano la Repubblica». A denunciarlo è l’Unci Calabria, che, schierandosi a fianco della giornalista insieme al Sindacato Giornalisti della Calabria, condanna duramente il linguaggio e il contenuto delle frasi utilizzate da Minnella: «La collega, a suo dire, sarebbe “colpevole” di aver scritto un articolo sugli esponenti fascisti che sono candidati alle prossime elezioni comunali di Reggio Calabria».
«Il rappresentante del Msi, che è pure candidato a consigliere comunale - incalzano il presidente del Gruppo Cronisti della Calabria, Michele Albanese, il segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, Andrea Musmeci, e il rappresentante dell’Osservatorio nazionale sulla legalità, Lucio Musolino -, può anche non essere d’accordo con quanto scritto dalla giornalista, ma non può permettersi di offendere la collega su Facebook definendola “scribacchina”, “penna prezzolata”, “tossicodipendente i cui acidi hanno corroso la dentatura” e “amica dei mafiosi”.
I termini utilizzati sono offensivi e diffamatori e, per questo, nell’esprimere piena solidarietà ad Alessia e invitandola a proseguire nel suo lavoro come ha sempre fatto, l’Unci e il Sindacato Giornalisti della Calabria la esortano a denunciare all’autorità giudiziaria l’aggressione di Minnella che ha, inoltre, scatenato nei confronti della giornalista un vero e proprio linciaggio sui social».
Il post “diffamatorio” è stato successivamente rimosso, ma «l’attacco rimane grave, considerato anche che numerosi sono i commenti violenti contro la giornalista. Anche in Tribunale, l’Unci e il Sindacato Giornalisti della Calabria saranno al fianco di Alessia perché non è tollerabile che un politico aggredisca una giornalista in questo modo».
La sezione calabrese dell’Unione Nazionale Cronisti Italiani e il Sindacato Giornalisti della Calabria chiedono, infine, alla candidata sindaco Angela Marcianò, sostenuta dal Movimento Sociale Italiano, di «prendere le distanze da quanto affermato da Giuseppe Minnella. O quantomeno di farci sapere se il pensiero del candidato a consigliere comunale rispecchia quello dell’intera coalizione che appoggia il suo progetto politico».
Anche il Comitato di redazione di Repubblica esprime «piena solidarietà alla collega Alessia Candito, oggetto di minacce e insulti sui social network, dopo il suo articolo sulla massiccia presenza di esponenti neo-fascisti nelle liste per le prossime elezioni amministrative di Reggio Calabria».
«Repubblica e i suoi giornalisti - afferma il Cdr - non si lasceranno intimidire né condizionare, ma continueranno come sempre a raccontare notizie e storie. Perché anche la libertà e l’indipendenza del giornalismo misurano la democrazia di un Paese».

Tratto da: giornalistitalia.it

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa