Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Di la tua | AntimafiaDuemila

A Nino e Ida

agostino castelluccio collagedi Flora Agostino
Un altro anno è passato da quel maledetto giorno che ha visto le vostre vite spegnersi davanti ai nostri occhi, e anno dopo anno siamo arrivati a 30... E quest'anno sarà ancora più difficile affrontare questo anniversario senza nostra madre Augusta.
30 anni sono tantissimi... 30 anni senza di voi... 30 anni, più degli anni che avete passato in questa terra... 30 anni di lotte affinché il caso del vostro efferato omicidio non venisse archiviato... 30 anni senza verità e giustizia.
Speravo che si potesse scrivere la parola fine a questa storia, speravo che si potesse arrivare a quella verità che mamma e papà hanno richiesto dall'indomani del vostro omicidio, speravo che avremmo avuto la tanto attesa giustizia.
Lo speravo perché non è giusto che la Mamma sia morta senza aver avuto quella verità e giustizia che con la sua compostezza ha richiesto a gran voce... Voleva essere curata per vivere e sapere la verità sulla vostra morte... Ha lottato una vita accanto al suo americano girando tutta l'Italia in lungo e largo affinché la vostra storia venisse conosciuta e non finisse nell'oblio come succede per le storie di tantissime altre vittime innocenti delle mafie. Nelle loro testimonianze vi è stato un enorme contenuto educativo, soprattutto per le generazioni dei più giovani che non hanno vissuto durante quegli anni... La loro immagine è diventata l'icona della lotta alla mafia non solo per i siciliani ma anche per gli italiani onesti che gridano NO alle mafie.
La Mamma ad ogni testimonianza diceva sempre che se sarebbe morta senza aver avuto ancora verità e giustizia noi figli nella sua lapide avremmo dovuto scrivere “qui giace Schiera Augusta Giacoma, mamma dell'agente Antonino Agostino, una donna in attesa di giustizia anche oltre la morte”.
L'abbiamo dovuta scrivere sulla sua lapide... Ed è stata una sconfitta non solo per lo Stato ma per l'Italia intera... E tutta l'Italia l'ha voluta ricordare per la sua bontà d'animo e per il suo essere donna meravigliosa.
Adesso lei saprà tutta la verità e guardandoti negli occhi dirà “Nino sono orgogliosa di te e di quello che hai fatto”... E non sarà facile continuare la sua lotta, perché lei con le sue semplici e poche parole entrava nei cuori di tutte le persone che in questi 30 anni ha conosciuto.
Nino abbraccia forte forte mamma da parte mia e dille che mi manca tutto di lei, le continue telefonate, il pranzo che mi preparava ogni giorno, il non poterle più raccontare quello che mi succede, i suoi consigli, i suoi baci... Era non solo una mamma e nonna meravigliosa per noi figli e nipoti ma lo era per tutte le persone che hanno avuto il privilegio di conoscerla in tutti questi anni.
Nino continua a vegliare su di noi e sulla mamma come hai fatto in tutti questi anni.
Vi amo da morire
Flora

ARTICOLI CORRELATI

Repici: '''Menti raffinatissime' dietro la morte del poliziotto Agostino''
Il legale della famiglia: "Oggi il processo si rende ineludibile" - Intervista

Omicidio Agostino: 30 anni in attesa di verità

''Oltre la morte'': Nino Agostino e Ida Castelluccio, un delitto fra mafia e Stato