Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Vedi Strage via d'Amelio: ''La famiglia Borsellino controllata a vista durante le indagini''

Di la tua | AntimafiaDuemila

Strage via d'Amelio: ''La famiglia Borsellino controllata a vista durante le indagini''

di Simona Zecchi
Borsellino: la strage e le vicende processuali

Sono passati 27 anni dalla strage di Via Mariano D'Amelio a Palermo, la strage che ha falciato la vita del giudice Paolo Borsellino e quelle della sua scorta (a eccezione che per un agente sopravvissuto, Antonio Vullo): i cinque agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. E’ il 19 luglio del 1992 e a 57 giorni dall'altra strage, il massacro di Capaci, alle 16.58 un'autobomba mette fine all'ultimo baluardo contro la mafia. Il fumo, le lamiere, i corpi a brandelli, sono l'effetto macabro, palese di un costrutto molto più complesso.

Il 20 aprile del 2017 si è conclusa la storia processuale del procedimento monstre sulla strage con la sentenza della corte d'Assise di Caltanissetta, sentenza preceduta da altre tre vicende processuali (Borsellino I-II e III). Alla decisione i giudici sono arrivati tenendo conto della sentenza del 2006 (frutto dell’unione di due processi, uno stralcio del Borsellino III e parte del procedimento della strage di Via Capaci). I giudici hanno definito la manipolazione compiuta sul "pentito" Vincenzo Scarantino - e quindi, a ridosso, degli altri pentiti che lo hanno affiancato - "il più grande depistaggio della storia della giustizia della Repubblica italiana".

Intanto, di presenze anomale la procura di Caltanissetta ha trattato, oltre a parlare di "centri di potere" ancora ignoti, tutti dietro al tragico evento. Il sovrintendente Francesco Paolo Maggi, a esempio soltanto nel 2014 rivela per scrupolo di coscienza di aver visto agenti dei servizi segreti a lui noti, e provenienti da Roma, gravitare intorno alla macchina semi-carbonizzata del magistrato. Gli stessi che erano stati visti diverse volte davanti all’ufficio di Arnaldo La Barbera, il discusso super poliziotto (Rutilius per il Sisde ora AISI) che, intervistato da L'Unità il 20 luglio 1994, dopo gli arresti di Scarantino e gli altri, aveva affermato - parlando del successo dell'operazione - che questa risiedeva, parole sue, nell'assioma: "niente burocrazia". A parte il limite di quest'affermazione rispetto al danno imposto alla verità tutta, è possibile però capire quanto questo leit motiv andasse a braccetto con il depistaggio poi applicato.

strage via d amelio euronews

I buchi neri delle indagini

E' il nodo di tutto, non soltanto attinente alla eventuale presenza fisica di altri complici, estranei al mondo mafioso sulla scena, ma anche al ruolo avuto come mandanti altri nella strage, intorno alla quale negli anni si sono alternate vicende processuali parallele diverse. Ne abbiamo parlato con il giornalista Giuseppe Lo Bianco, autore insieme a Sandra Rizza del libro appena edito da Chiarelettere "DepiStato" e all'avvocato Fabio Repici, legale di Salvatore Borsellino, fratello del giudice.

depistato libro 960Borsellino: la strage e le vicende processuali
Sono passati 27 anni dalla strage di Via Mariano D'Amelio a Palermo, la strage che ha falciato la vita del giudice Paolo Borsellino e quelle della sua scorta (a eccezione che per un agente sopravvissuto, Antonio Vullo): i cinque agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. E’ il 19 luglio del 1992 e a 57 giorni dall'altra strage, il massacro di Capaci, alle 16.58 un'autobomba mette fine all'ultimo baluardo contro la mafia. Il fumo, le lamiere, i corpi a brandelli, sono l'effetto macabro, palese di un costrutto molto più complesso.

Il 20 aprile del 2017 si è conclusa la storia processuale del procedimento monstre sulla strage con la sentenza della corte d'Assise di Caltanissetta, sentenza preceduta da altre tre vicende processuali (Borsellino I-II e III). Alla decisione i giudici sono arrivati tenendo conto della sentenza del 2006 (frutto dell’unione di due processi, uno stralcio del Borsellino III e parte del procedimento della strage di Via Capaci). I giudici hanno definito la manipolazione compiuta sul "pentito" Vincenzo Scarantino - e quindi, a ridosso, degli altri pentiti che lo hanno affiancato - "il più grande depistaggio della storia della giustizia della Repubblica italiana".

Intanto, di presenze anomale la procura di Caltanissetta ha trattato, oltre a parlare di "centri di potere" ancora ignoti, tutti dietro al tragico evento. Il sovrintendente Francesco Paolo Maggi, a esempio soltanto nel 2014 rivela per scrupolo di coscienza di aver visto agenti dei servizi segreti a lui noti, e provenienti da Roma, gravitare intorno alla macchina semi-carbonizzata del magistrato. Gli stessi che erano stati visti diverse volte davanti all’ufficio di Arnaldo La Barbera, il discusso super poliziotto (Rutilius per il Sisde ora AISI) che, intervistato da L'Unità il 20 luglio 1994, dopo gli arresti di Scarantino e gli altri, aveva affermato - parlando del successo dell'operazione - che questa risiedeva, parole sue, nell'assioma: "niente burocrazia". A parte il limite di quest'affermazione rispetto al danno imposto alla verità tutta, è possibile però capire quanto questo leit motiv andasse a braccetto con il depistaggio poi applicato.

I buchi neri delle indagini
E' il nodo di tutto, non soltanto attinente alla eventuale presenza fisica di altri complici, estranei al mondo mafioso sulla scena, ma anche al ruolo avuto come mandanti altri nella strage, intorno alla quale negli anni si sono alternate vicende processuali parallele diverse. Ne abbiamo parlato con il giornalista Giuseppe Lo Bianco, autore insieme a Sandra Rizza del libro appena edito da Chiarelettere "DepiStato" e all'avvocato Fabio Repici, legale di Salvatore Borsellino, fratello del giudice.

Per leggere l'articolo completo: it.euronews.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...


DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa