Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Di la tua Vedi Al via il processo Lucano, senza telecamere in aula

Di la tua | AntimafiaDuemila

Al via il processo Lucano, senza telecamere in aula

di Michele Cervo
Il processo nei confronti di Mimmo Lucano, per anni Sindaco di Riace, non avrà una dimensione televisiva. La decisione del Presidente del Tribunale di Locri, ad eccezione della prima udienza tenutasi oggi per la costituzione delle parti, è netta: le telecamere resteranno fuori dall’aula. Ci si dovrà affidare alla cronaca dei colleghi della carta stampata ed agenzie ed a ciò che racconteranno i colleghi delle testate televisive, italiane ed estere, giunti in gran numero per seguire la vicenda giudiziaria di un uomo che ha fatto della solidarietà il proprio modello di vita. Intanto oggi il Tribunale ha negato ancora una volta, rigettandola, la richiesta di revoca del divieto di dimora per l’ex Sindaco, in quanto il procedimento sarebbe ancora pendente presso la Corte di Cassazione, una decisione che ha creato ulteriore delusione nel collegio di difesa. “E’ come subire una pena prima ancora del processo” - ha esclamato Lucano al suo ingresso in aula. Quindi al momento non potrà rientrare nella sua Riace. “Sono consapevole che ci sono persone che hanno subito delle ingiustizie superiori alle mie - ha continuato - così come sono consapevole che in Italia ci sono tante persone solidali con me e con il progetto Riace”. Un processo controverso quello che inizia a Locri, dove alle accuse della Procura, secondo cui a Riace dall’amministrazione presieduta da Mimmo “o Curdo” era stata messa in opera un’organizzazione criminale che ha trasformato tutto il mondo legato all’accoglienza in un vero e proprio sistema d’affari, si contrappongono Gip e Cassazione che hanno giudicato eccessivi i provvedimenti assunti dalla stessa Procura di Locri. Non un processo politico, come ha sottolineato Mimmo Lucano, ma un processo dove la politica è entrata a gamba tesa, trascinando “l’affaire” Riace nelle piazze della recente campagna elettorale. Dove i movimenti di certa politica che ha alla base l’innalzare muri per interessi elettorali, iniziati già dall’estate 2017 quando dalla prefettura di Reggio Calabria trapelavano le prime indiscrezioni su procedimenti nei confronti del Comune di Riace, hanno portato alla chiusura del modello di accoglienza e disperso tutte quelle persone che erano riuscite a mettere in piedi attività commerciali rivitalizzando un centro storico pressoché desertificato. “Dobbiamo essere convinti che la giustizia esiste - ha detto Lucano prima dell’udienza - e non bisogna perdere questa speranza, altrimenti nulla ha senso. Anche se a volte l’impressione è che la giustizia ci sia solo per le categorie con più possibilità o quelle che hanno ruoli importanti, mentre io non sono nulla”. Lo verificheremo nel corso di tutto il dibattimento ed al termine dell’intero iter processuale che sarà, prevedibilmente, molto lungo.

Tratto da: articolo21.org

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa