Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Vedi Quel pool antimafia e quel maxiprocesso che misero in ginocchio la mafia

Di la tua | AntimafiaDuemila

Quel pool antimafia e quel maxiprocesso che misero in ginocchio la mafia

aula bunker c shobhadi Vincenzo Musacchio*
Era il 1979, chi scrive aveva undici anni, a Palermo il giudice Rocco Chinnici divenne capo dell’Ufficio Istruzione del Tribunale. Una svolta storica nella lotta alla mafia poiché è con lui che nasce il “pool antimafia”. Fu quest’alto magistrato a volere accanto a se’ i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Ideò e avviò per primo le indagini e le misure di prevenzione patrimoniali, come strumento fondamentale di contrasto alle mafie. Era fermamente convinto dell’importanza del coinvolgimento sociale, impegnandosi con incontri e dibattiti finalizzati a sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sui temi della lotta alla mafia, coinvolgendo in particolare i giovani. Al pool antimafia si devono le intuizioni sulle connessioni della mafia con l’alta finanza, la politica e l’imprenditoria. Fu l’epoca di nuove strategie investigative, fondate sulla strettissima collaborazione fra i magistrati che svolgevano le indagini sul fenomeno mafioso. Alla sua morte Chinnici fu sostituito degnamente da Antonino Caponnetto che credette e rafforzò il pool antimafia composto da Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Giuseppe Di Lello e Leonardo Guarnotta. Grazie a questa squadra si giunse all'istruzione del maxiprocesso a Cosa Nostra nell'aula bunker dell'Ucciardone, iniziato il 10 febbraio del 1986: 350 udienze; 1315 interrogatori; 635 arringhe difensive; 200 avvocati difensori; 475 imputati; 2665 gli anni di carcere inflitti. Fu il trionfo dello Stato: la mafia per la prima volta nella storia d’Italia fu messa in ginocchio. Un enorme e scrupoloso lavoro d’indagine, quello condotto dal pool di magistrati, cui è seguito un altrettanto valido impegno dei giudici, uno per tutti il presidente Alfonso Giordano. Tutto questo non può e non deve essere dimenticato, soprattutto, dalle nuove generazioni. Sono trascorsi trentatré anni dall'inizio del processo. Che cosa è successo in Italia da allora? La mafia siciliana ha subito nuovi contraccolpi dopo essere stata messa in ginocchio? I risultati, per quel che riguarda il maxiprocesso in senso stretto, furono eccellenti. La sentenza è stata confermata anche negli altri due gradi di giudizio. Si è trattato, quindi, di un processo costruito con arguzia e perizia, con riscontri certi, con prove oggettive e con un risultato raggiunto: mettere, per la prima volta, Cosa Nostra in ginocchio. Il maxiprocesso ha dimostrato che lo Stato, con un buon lavoro d’indagine e di costruzione processuale, può battere tutte le mafie. Finito il maxiprocesso, purtroppo, il clima è cambiato e il grande sostegno, anche di opinione pubblica, nei confronti dei magistrati è scomparso lentamente. Il Paese si è distratto, nel 1992, c'è stato il periodo delle grandi stragi di mafia e con l'inizio di Tangentopoli l’attenzione dell’opinione pubblica si sposta in altri contesti. Dopo la famosa “primavera di Palermo” tramontano le grandi reazioni sociali. Le stragi di Capaci e Via D’Amelio produrranno una risposta dello Stato alla mafia abbastanza imponente, che purtroppo durò pochissimo dando solo l’illusione di poter continuare sulle tracce del vecchio pool diretto da Caponnetto. La lotta alla mafia, nel tempo, passa in secondo piano. Ancor oggi il maxiprocesso resta uno dei pochissimi straordinari atti di giustizia e di trionfo della legge sul crimine organizzato. Non dimentichiamo e non lasciamo disperdere quel patrimonio inestimabile che ancor è di esempio in tutto il mondo.

*Presidente dell’Osservatorio Antimafia del Molise

Foto © Shobha

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa