Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Vedi La lezione del giovane Khalifa picchiato perché nero: ''non alzo le mani perché così mi hanno insegnato''

Di la tua | AntimafiaDuemila

La lezione del giovane Khalifa picchiato perché nero: ''non alzo le mani perché così mi hanno insegnato''

dieng khalfadi Marcello Contento
E’ arrivata ieri mattina la notizia di un’aggressione a sfondo razzista nel comune di Partinico. “Tornatene al tuo paese, via di qui sporco negro” e poi addosso al povero Khalifa Dieng, preso a calci e pugni da quattro individui, tutti del posto. Il fatto è avvenuto in una tranquilla piazza di Partinico due giorni fa.
Il giovane, non ha reagito alle violenze proprio perché così gli hanno insegnato gli educatori della comunità in cui alloggia. Ed eccola qui la notizia del giorno. Non è l’ennesima azione criminale di uomini miseri che hanno lasciato il senso della ragione per abbandonarsi alla più bietta e deplorevole ignoranza dell’esercizio del male. La vera notizia questa volta ce l'ha regalata il giovane senegalese con il suo messaggio di pace contro un atto violento e meschino.
Una lezione che dovrà far riflettere quest'Italia, in cui il senso di rispetto nei confronti della vita umana, sta diventando sempre più opaco e feroce nei confronti dei più deboli. Khalifa oggi ci ha insegnato questo: il vero significato del ripudio alla violenza e il rispetto della dignità umana. Non occorre aggiungere altro, adesso è giunto il tempo delle riflessioni e di fare i conti con le proprie coscienze.
Il giovane è arrivato nel 2016 in Sicilia, passando per la Libia, grazie ad un barcone in cui il gioco tra la vita e la morte è tenuto solamente da un sottilissimo filo, pronto a spezzarsi. Da due anni ospite della comunità alloggio Sympatheia ha sempre mostrato un comportamento rispettoso ed educato. Ieri mattina il giovane senegalese, ha denunciato il fatto ai Carabinieri di Partinico (avvenuto due giorni prima), dopo essersi ripreso dall’aggressione e ottenuto le opportune cure mediche al volto e all'orecchio da parte dei sanitari di Partinico.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa