Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Vedi Progetto JUST SPORT: sensibilizzare i giovani sugli effetti negativi del doping

Di la tua | AntimafiaDuemila

Progetto JUST SPORT: sensibilizzare i giovani sugli effetti negativi del doping

just sport formazione sportdi Giovanni Barbieri
Nell’ambito del progetto JUST SPORT - Fight against doping on grassroots level, co-finanziato dal programma europeo Erasmus+, il CESIE ha avviato una campagna di promozione e sensibilizzazione sul tema dell’uso del doping a livello non agonistico.
L’iniziativa, coordinata dall’Associazione Sportiva della città di Rijeka (Croazia), vede partecipanti diversi paesi europei, tra i quali SLOADO (Slovenia), Bulgarian Sports Development Association (Bulgaria), Municipio de Mirandela (Portogallo), Vasterbottens Idrottsforbund - Swedish Sports Confederation (Svezia) e CESIE (Italia).
La parola doping, nella maggior parte dei casi, ci fa pensare a competizioni sportive agonistiche o professionistiche: eppure il fenomeno è molto più radicato di quanto possa sembrare e la situazione non è dissimile in nessuno dei paesi europei coinvolti.
L’uso di sostanze e metodi proibiti nelle palestre e nei centri fitness per incrementare le performance fisiche, purtroppo è un fatto ormai consolidato tra i giovani.
L’Organizzazione Nazionale Anti-Doping (NADO) che rappresenta la massima autorità in materia di attuazione e adozione del Programma Mondiale Antidoping WADA (Agenzia Mondiale Anti-doping), non può effettuare controlli all’interno dei centri fitness, né può intervenire in nessun caso al di fuori di competizioni ove i partecipanti non siano tesserati presso federazioni sportive riconosciute.
L’unico controllo del fenomeno è quello effettuato dai NAS dei Carabinieri legato alla compravendita di sostanze proibite.
L’assenza di una vera e propria autorità in grado di controllare il territorio in modo capillare e dare il giusto peso al problema rischia di far proliferare l’uso di queste sostanze altamente nocive per chi ne fa uso.
È infatti ormai certo che sostanze come steroidi, ormoni della crescita, testosterone e stimolanti vari hanno conseguenze anche permanenti sulla salute di chi ne fa uso solo per ottenere risultati aldilà delle possibilità naturali del proprio corpo e con tempistiche molto ridotte rispetto al normale sviluppo.
Nell’ambito del progetto JUST SPORT è stata quindi realizzata una formazione ad hoc per i proprietari di palestre e centri fitness, per gli istruttori o per chi si appresta a diventare uno di loro e infine anche per chi frequenta queste strutture, con l’obiettivo di sensibilizzare sul tema del doping e promuovere attività fisiche scevre dal coinvolgimento di integratori o sostanze proibite.
Solo con la sensibilizzazione e una maggiore attenzione verso i rischi legati alla salute si può incidere e ottenere risultati.
Dall’esperienza maturata insieme agli altri paesi Europei, possiamo dire che non è con la sola repressione che si può arginare un fenomeno tanto radicato e così vasto come quello dell’utilizzo di sostanza dannose a livello amatoriale e nei centri fitness. Al termine dei lavori del progetto JUST SPORT, collezionate tutte le esperienze e approfondite le buone pratiche in Europa, si è giunti alla conclusione che la formazione e l’educazione, prima a scuola e successivamente nelle Università che formano i futuri istruttori, sono la chiave di volta per cercare di prevenire il fenomeno e educare la popolazione sugli effetti estremamente dannosi che le sostanze proibite hanno sul corpo umano.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa