Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Vedi Centro studi Paolo Borsellino: un luogo per rielaborare il futuro

Di la tua | AntimafiaDuemila

Centro studi Paolo Borsellino: un luogo per rielaborare il futuro

centro studio paolo borsellinodi Tonio Dell'Olio
Un bel modo di cominciare l’anno nuovo!

(dall’articolo di Nando Dalla Chiesa su Il Fatto Quotidiano dell’8 gennaio 2018)

(…) “Bene confiscato alla mafia” sta scritto sulla targa all’ingresso del piccolo portico, chiuso in fondo da sei grandi sagome di cartone in piedi, quelle del giudice e degli agenti di scorta, ciascuno con il suo nome. Sotto, la scritta della targa si completa: “Patrimonio del Comune di Palermo. Progetto Casa della memoria operante”.
Una piccola festa di popolo. Accanto a Rita c’è il fratello Salvatore. Alcuni altri familiari di vittime: papà Agostino con la sua infinita barba bianca, Giovanni Impastato, il giudice Alfredo Morvillo, fratello di Francesca. E il sindaco Leoluca Orlando, felice e discreto davanti a Rita, visibilmente emozionato delle emozioni altrui. Era stata attesa per mesi l’inaugurazione di questa casa aperta alle associazioni antimafia nel nome di una delle persone più care alla storia di Palermo. In via Bernini, quella in cui esattamente venticinque anni fa fu catturato Totò Riina, nel quartiere edificato dai “suoi” costruttori, i fratelli Sansone. Nella sua casa di allora c’è la caserma dei carabinieri, dov’era la sua stanza da letto c’è ora la scrivania del capitano. La casa accanto è invece la sede dell’ordine dei giornalisti. E quella accanto ancora, la grande villa con parco e piscina dei Sansone, è diventata il Centro studi Paolo Borsellino.
Uno straordinario contrappasso della storia. Rita spiega che la memoria serve non solo a ricordare ma anche a elaborare il futuro. E qui dentro si potrà studiare, conoscere, discutere; ritrovarsi per costruire nuovi pezzi di realtà sociale. Ci sono anche, una accanto all’altra, tre ragazze che appaiono un inno alla semplicità della bellezza. Leggono alternandosi un loro testo sul tempo. Concetto strano. “Per un fisico una variabile”, “per un meteorologo una condizione”, “per due amanti l’eternità”, “veramente immenso il tempo che ancora passiamo aspettando risposte… e un giorno le otterremo, io ne sono sicura!”. Il testo si snoda commovente in mezzo alle persone che attorniano in piedi le tre giovanissime lettrici. Rita dice “visto? Sono le nuove generazioni”, per subito aggiungere “sono le mie nipoti”, e in una frazione di secondo la sua felicità si fa, se possibile, ancora più luminosa. Mentre loro, nel testo che procede, ringraziano “la nostra nonna” che “ci ha dato la possibilità di conoscere senza aver vissuto”, “di emozionarci senza aver vissuto”.

Tratto da: liberainformazione.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa