Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Vedi Angelo Niceta: "Sono vittima di un'estorsione di Stato"

Di la tua | AntimafiaDuemila

Angelo Niceta: "Sono vittima di un'estorsione di Stato"

niceta angelo il fatto quotidianoInterrogazione parlamentare su Niceta, la replica dei familiari
"La mafia mi ha distrutto, le istituzioni mi hanno dato il colpo di grazia"

di Giorgio Mannino - Video all'interno
E' il primo collaboratore di giustizia italiano a non avere una scorta. La storia di Angelo Niceta è più unica che rara. Dopo avere denunciato le relazioni mafiose dei suoi parenti, gli imprenditori Niceta, nota famiglia della borghesia palermitana, con i più alti esponenti di Cosa Nostra tra cui Bernardo Provenzano, i fratelli Guttadauro, il latitante Matteo Messina Denaro, le famiglie Scaduto e Graviano, Angelo Niceta gira libero per Palermo, senza alcuna protezione. Più di un anno fa ha anche deposto al processo sulla Trattativa Stato-mafia.

 

I pm Nino Di Matteo e Pierangelo Padova, avevano chiesto nel 2015, lo status di testimone di giustizia. Ma inspiegabilmente, il Ministero dell'Interno lo ha inserito tra l'elenco dei pentiti, sebbene Niceta non abbia mai commesso alcun tipo di reato. Ad infittire il mistero è una recente delibera proveniente dal Viminale, in cui è scritto che il "caso Niceta" è coperto da segreto di Stato.
Per le sue dichiarazioni che gettano ombre sul rapporto occulto tra mafia, massoneria, imprenditoria e politica, Niceta è isolato e abbandonato dalle istituzioni. E con lui, anche la sua famiglia. Non ha un lavoro e vive sotto la soglia di povertà. Niceta chiede che lo Stato rispetti le leggi, garantendogli quelle misure di protezione previste in questi casi. E che gli venga attribuito lo status di testimone di giustizia.
Per destare l'opinione pubblica e una stampa sonnecchianti, ha deciso di digiunare. Adesso, dopo quasi venti giorni di digiuno, preoccupano le sue condizioni di salute. Pochi giorni fa ha incontrato, insieme al suo legale Rosalba Vitale, un delegato del prefetto di Palermo. Ma da quel tavolo, riferisce Niceta, al momento "sono uscite molte chiacchiere e nessun fatto concreto". Intanto sulla piattaforma Change.org, cresce sempre di più il numero delle firme nella petizione che perora la sua causa.



Pagina Facebook Memoria e Futuro

ARTICOLI CORRELATI

Interrogazione parlamentare su Niceta, la replica dei familiari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta