Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ci vediamo a...

Presentazione del libro ''L'ultima notte di Aldo Moro'' - Bagheria, 11 Gennaio

20200111 ultima notte aldo moroSabato 11 gennaio alle ore 18 presso la Villa Butera nella sala Borremans, in Corso Butera, a Bagheria (PA) si terrà la presentazione del libro “L’ultima notte di Aldo Moro” del giornalista dell’Ansa Paolo Cucchiarelli.
Interverranno: Filippo Maria Tripoli, sindaco di Bagheria, Daniele Vella, assessore alla Cultura, Antonino Dolce, presidente associazione Società Siciliani Amicizia fra i Popoli e Salvatore Lombardo, componente direzione nazionale Psi (1978).
Concluderà l’autore Paolo Cucchiarelli.
Modererà l’evento Alessandro Bafumo, giornalista Tele Video Himera.

IL LIBRO
La vicenda del rapimento e della morte di Moro rimane fra le più misteriose e peggio spiegate della nostra Storia, e fra le meno compatibili con le versioni ufficiali che continuano ad essere propagandate da commissioni d'inchiesta, stampa e TV. "L'ultima notte" di Aldo Moro di Paolo Cucchiarelli rappresenta una tappa decisiva e irreversibile verso il chiarimento della reale dinamica e dei motivi profondi di quei tragici 55 giorni. Qui Cucchiarelli ricostruisce - grazie a documenti inediti, nuove testimonianze e perizie, fotografie mai viste prima - il rapimento, la prigionia e le ultime ventiquattr'ore del presidente DC, scardinando pezzo dopo pezzo il castello di menzogne costruito negli anni. Ne emerge una realtà sconcertante, fatta di operazioni d'intelligence internazionali - che per la prima volta vengono qui precisate, con tanto di nomi e cognomi -, trattative fra istituzioni e terroristi, patti con la malavita organizzata, personaggi rimasti totalmente ai margini delle vicende giudiziarie. Anche se il termine è ormai screditato, proprio di un complotto bisogna parlare: un piano articolato, volto alla distruzione politica e poi fisica di quello che sarebbe con ogni probabilità divenuto il presidente della Repubblica.