Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ci vediamo a...

Livatino: chiusura della fase Diocesana del Processo di Canonizzazione - Agrigento, 3 Ottobre

20181003 livatino chiusura fase diocesanaSi svolgerà oggi, mercoledì 3 ottobre, alle 10,30 nella chiesa S. Agostino di Agrigento la sessione pubblica di chiusura della fase diocesana del processo di Canonizzazione del Giudice di Canicattì Rosario Livatino ucciso in un agguato mafioso.
Livatino venne ammazzato la mattina del 21 settembre 1990 a neanche 38 anni mentre da Canicattì, sua città, stava raggiungendo con la propria auto e senza scorta il tribunale di Agrigento per il suo ultimo giorno di lavoro prima di andare in ferie.
Dalle testimonianze rese al tribunale diocesano che ha curato la fase del processo di Canonizzazione è emerso che Livatino era solito cedere il periodo migliore delle ferie estive ai colleghi che avevano famiglia o non risiedevano in Sicilia ed erano originari di altre regioni.
La sessione sarà presieduta dal cardinale Francesco Montenegro, Arcivescovo Metropolita di Agrigento, che il 21 settembre 2011 presiedette l'apertura della fase diocesana del processo di Canonizzazione nella chiesa di S. Domenico a Canicattì, la stessa frequentata da Livatino e dove prese il sacramento della confermazione, cioè la Cresima, in età adulta avvertendo il rischio di una possibile fine violenta e prematura.
La fase diocesana di ricerca di Testimonianze e documenti inerenti il servo di Dio Rosario Livatino ci consentirà, quando gli atti saranno pubblici, di conoscere molto di più di Rosario e della sua esistenza terrena la cui morte è stato “seme fecondo” per il risveglio delle coscienze e soprattutto per la conoscenza con gli incontri pubblici di esempi Credibili e Coerenti.