Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ci vediamo a...

''Il vizio della memoria'' - Palazzo Acreide, 27 e 28 Gennaio

20180127 il vizio della memoria pippo favaIl 27 e 28 gennaio Palazzolo Acreide (SR) ricorderà il giornalista Pippo Fava, ucciso il 5 gennaio 1984 da Cosa nostra, con diverse iniziative con il titolo “Il vizio della memoria”.  
Il 27 gennaio alle ore 9:30 e alle 11:30 presso il CineTeatro King in via S. Sebastiano 31 di Palazzolo Acreide (SR), 400 studenti delle scuole superiori locali, assisteranno allo spettacolo teatrale “Lezione sulla mafia”, basato sulla lettura dell’intervento tenuto da Giuseppe Fava agli alunni dell’ITIS di Palazzolo Acreide il 22 dicembre 1983. Lo spettacolo, con l’accompagnamento musicale dell’Orchestra “Musicainsieme a Librino”, sarà portato in scena da “Teatro alla Lettura”, prima compagnia teatrale universitaria della Sicilia e del Meridione d’Italia, fondata dall’attore e autore Roberto Disma che sarà accompagnato nella recita da Ginevra Alibrio,
Il 28 gennaio alle ore 17 presso l’Aula Consiliare del Comune di Palazzolo Acreide (SR) ci sarà la proiezione del docufilm “Vivere alla grande” del registra Fabio Leli, che analizza e documenta la piaga sociale del gioco d’azzardo. Alle ore 19 avrà luogo la premiazione di Fabio Leli e dibattito moderato dalla giornalista di MeridioNews Marta Silvestre con Maria Teresa Ciancio Fichera (Presidente della Fondazione Fava), Francesca Andreozzi (Vice Presidente della Fondazione Fava e psicoterapeuta), Luciano Modica (Amministratore Giudiziario) e Paolo Caligiore (Coordinatore Provincia di Siracusa dell’Associazione Antiracket).


Io conosco ogni angolo, ogni pietra di questo luogo, le scalinate segrete che si infilano tra le case e sbucano sull’alto del monte, i minuscoli cortili, le antiche strade settecentesche, le fontane…
Pippo Fava