Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Incontri Ricorrenza del 24° anniversario della strage di Via dei Georgofili - Firenze, 26 e 27 Maggio

Ci vediamo a...

Ricorrenza del 24° anniversario della strage di Via dei Georgofili - Firenze, 26 e 27 Maggio

20170527 24anni strage georgofiliVenerdì 26 maggio a Firenze ore 9, presso la Chiesa di San Carlo - via dei Calzaiuoli, Santa Messa in suffragio delle vittime della strage. 
Ore
10.30 presso l'accademia dei GeorgofiliLogge Uffizi Corti, esposizione dell’intera raccolta di disegni e degli acquerelli del Maestro Luciano Guarnieri.
Ore 16.00 presso la sede della Regione Toscana, presidenza della Giunta RegionaleSala Pegaso in Piazza Duomo 10, convegno “Ne capite qualcosa di politica voi? No! E’ bene che ci portiamo dietro un po’ di morti, così si danno una smossa” (Giuseppe Graviano a Gaspare Spatuzza e Cosimo Lo NigroCampofelice di Roccella, settembre 1993).
PartecipanoVittorio Bugli, Assessore alla Presidenza della Regione ToscanaPietro Grasso, Presidente del Senato, Giovanna Maggiani Chelli, Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei GeorgofiliAlessandro Crini, Procuratore Capo della Repubblica di PisaGiuseppe Nicolosi, Procuratore Capo della Repubblica di Prato, Danilo Ammannato, Avvvocato parte civile processo stragi del 1993Conduce l’incontroFrancesco Nocentini, giornalista
Ore 21 presso la Piazza della SignoriaArengario di Palazzo Vecchio in caso di pioggia: Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento, commemorazione della Strage
Ore 21 - Dal Nabucco di Giuseppe Verdi "Va o pensiero" - A seguire: Arie e Cori d’Opera G. Verdi da Il Trovatore “Vedi le fosche notturne spoglie” - coro G. Puccini da Gianni SchicchiO mio babbino caro” - soprano da TurandotNessun dorma” - tenore P. Mascagni da Cavalleria rusticanaGli aranci olezzano” - coro “Brindisi”.  
Ore 22 - Saluti delle Istituzioni locali, intervengono: Pietro Grasso, Presidente del Senato, Giovanna Maggiani Chelli, Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili
Ore 22.30 Selezione di brani dall’opera Traviata di Giuseppe Verdi Atto I Preludio “Libiam nei lieti calici” - Violetta, Alfredo, Coro “Un dì, felice, eterea” - Violetta, Alfredo,“Si ridesta in ciel l’aurora” - Coro “E’ strano, è strano” - Violetta. Soprano Sabrina Enrichi, tenore: Enrico Nenci, Coro di San Francesco e Santa Chiara a Montughi, direttore del coro: Enrico Rotoli, Orchestra Il Carmine, direttore: Fabiano Fiorenzani, amplifi cazione audio: Epasound, direttore artistico: Marcello Vargetto. Conduce la serata: Giulia Weber. Saranno presenti alle manifestazioni studenti e insegnanti della scuola Polo Tecnico Professionale di Lugo (Ra) - sezione ITIS “Marconi”. In collaborazione con l’associazione Pereira.

Sabato 27 maggio, ore 1.00, presso la Piazza della Signoria, partenza da Palazzo Vecchio del corteo formato dai Gonfaloni del Comune di Firenze, della Città Metropolitana e della Regione Toscana, con labari delle Associazioni di Volontariato. 
Ore 1.04 presso Via dei Georgofili, deposizione di una corona d’alloro sul luogo dell’attentato. 
Ore 8.30 presso il Cimitero di La Romola, San Casciano in Val di Pesa, deposizione di un cuscino di rose sulla tomba della famiglia Nencioni. 
Ore 9 presso La Romola, San Casciano in Val di Pesa - Giardino del Tramonto, gli alunni dell’IIP Gianni Rodari di Cerbaia, a conclusione del loro percorso scolastico sulla legalità, ricorderanno la strage.
Ore
9 presso il Cimitero Sarzanello, Sarzana, deposizione di un cuscino di rose sulla tomba di Dario Capolicchio.

Angela Fiume e Fabrizio Nencioni, le loro figlie Nadia e Caterina, lo studente di architettura Dario Capolicchio la notte fra il 26 e il 27 maggio del 1993 persero la vita per una bomba che, oltre alla loro morte, provocò 41 feriti, distrusse la storica Torre de’ Pulci dove ha sede l’Accademia dei Georgofili, causò ingenti danni al museo degli Uffizi, a Palazzo Vecchio, alla chiesa di S. Stefano al Ponte Vecchio e a tutto il tessuto abitativo circostante, lasciando moltissime famiglie senza un tetto. Quella bomba la mise la mafia. Le indagini svolte e i processi celebrati in questo lungo intervallo di tempo hanno permesso di individuare, grazie all’impegno di un pool di valorosi magistrati, fra i quali vogliamo ricordare Gabriele Chelazzi e Piero Luigi Vigna, gli esecutori e i mandanti interni della strage, appartenenti all’organizzazione criminale Cosa nostra. Altre bombe esplosero lo stesso anno a Roma e Milano, a conferma di un disegno criminoso che voleva condizionare il funzionamento degli istituti democratici e la vita civile del Paese. A Firenze, come nel resto d’Italia, la risposta fu compatta e unitaria, la condanna ferma e senza possibilità di appello. Da allora i responsabili sono stati assicurati alla giustizia, ma la volontà di fare luce sulle ombre che ancora permangono resta intatta, come intatto resta nella nostra memoria il ricordo di quelle Vittime innocenti.

Indicazioni per il convegno del 26 maggio
regione.toscana.it
Segreteria Organizzativa
Regione Toscana Centro di documentazione ”Cultura Legalità Democratica” - Piazza del Duomo, 10 Firenze
regione.toscana.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Regione Toscana URP numero verde: 800860070

Informazioni per gli eventi del 26 maggio in Piazza della Signoria
Segreteria Organizzativa
Comune di Firenze - Piazza della Signoria
comune.fi.it
Ufficio Cerimoniale tel. 055 2768297

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa