Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Incontri ''Non sono razzista, però...'' - Campobasso, 9 Febbraio

Ci vediamo a...

''Non sono razzista, però...'' - Campobasso, 9 Febbraio

20170209 non sono razzista peroTorna il caffè letterario turchese al comune di Bojano. Giovedi’ 9 febbraio al Colagrosso. Porta un libro e tornerai con un’idea. Dai salotti all’emigrazione
Non sono razzista, però…” è l’incipit dell’appuntamento culturale più cool, istituzionalizzato quest’anno dal comune di Bojano (CB). Il tema, l’avrete capito, è quello della discriminazione, dell’intolleranza, del fanatismo, del pregiudizio: in una parola: il razzismo. Ad affrontarlo, il prossimo giovedì 9 febbraio dalle 17.30, nell’aula universitaria di Palazzo Colagrosso, con i suoi riverberi nella letteratura e con gli esempi minimi nelle nostre vite quotidiane, l’assessore comunale alla Cultura, Michelina Iannetta, che ha inteso sposare l’esperienza vincente degli eventi Turchese organizzati dalla testata Un Mondo d’Italiani, diretto da Mina CAPPUSSI, in collaborazione con la Compagnia Stabile del Molise, presieduta da Paola Cermele e con gli istituti scolastici. Un connubio interessante, che lega istituzioni, organizzazioni di volontariato presenti sul territorio e un quotidiano internazionale che si è votato a quell’emigrazione italiana nel mondo che ha offerto il fianco, nel passato, a tutta una serie di discriminazioni. Ospite speciale, per l’occasione, Giulio De Jorio Frisari, Visiting professor dell’Università Aristotele di Tessalonica, membro del Comitato Scientifico dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici che ha recentemente perso il suo capostipite, mentore e fondatore, Gerardo Marotta. La grafica è di Eliana Cappussi.

Porta un libro e tornerai con un’idea” – spiega l’ideatrice del Caffè Letterario Turchese, Mina Cappussi - è il sottotitolo dell’evento, che mette l’accento sulla partecipazione e la condivisione da parte di tutti gli intervenuti, invitati a prendere spunto dalla letteratura, dalla poesia, dall’arte, dal giornalismo per partecipare al dibattito, per portare il proprio contributo d’idee, per innescare un circolo “vizioso” positivo che dia forma ed essenza all’archetipo, al concetto. Vogliamo ragionare sulla questione attingendo a chi ha scritto di razzismo in senso lato, dal macro-tema alle sue innumerevoli derivazioni spicciole. Il focus è stato fortemente voluto da Paola Cerimele, nota attrice e direttrice, con Lello Lombardi, della Compagnia Stabile, e dall’assessore alla Cultura e all’Istruzione del Comune di Bojano, Michelina Iannetta. A differenza dell’anno scorso, il Caffè non ruota attorno ad un unico testo di cui viene data lettura, ma è il pubblico che porta libri per condividerne il contenuto. Insomma un arricchimento esponenziale perché il Caffè sia un vero e proprio Salotto Letterario, come quelli della lunga tradizione che parte dal symposium greco, ma che ha trovato la sua massima espressione nelle donne illuminate che riunivano intellettuali e personaggi di spicco per influire sulla formazione dell' opinione pubblica e sulla politica dello Stato. Un progetto ambizioso, che ha intercettato una domanda di cultura importante”. “Essere complementari - anticipa il prof. De Jorio Frisari - è una esigenza dettata dal senso vitale che è in noi: la forza di quel senso è trascinante e può essere tanto intensa da generare dinamiche distorte, contorsioni psicologiche e semantiche. Fughe dalla libertà e servitù volontaria. Ecco che il trincerarsi dietro alle proprie abitudini, il rinchiudersi nei propri spazi, il rifiutare le diversità sono tutte modalità comportamentali, da pragmatica della comunicazione, che fanno parte di una negazione dello spirito vitale che pervade l'universo. Ma attenti! anche il divertissement sfrenato rientra in una forma di autoesaltazione funzionale ad escludere chi vuole mantenere la barra ferma lungo il tracciato della razionalità, quella legata alla sopravvivenza”. E il prof. Frisari annuncia letture da La Bottiè, Leopardi, Manzoni, Malcom X, Francesco Soave, Bhagdavaghita. Appuntamento, dunque, giovedì 9 febbraio 2017, dalle 17.30, a Palazzo Colagrosso. Si ragionerà sul tema attorno ad una tazza di tè fumante gustando pasticcini. E non dimenticate di portare un libro!

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa