Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Incontri Marcia delle donne e degli uomini scalzi - 11 Settembre

Ci vediamo a...

Marcia delle donne e degli uomini scalzi - 11 Settembre

20150911 marcia.donne uomini scalziVenerdì 11 settembre 2015 - Perugia ore 17.30, Piazza Italia
La grande crisi dei rifugiati non ci può lasciare indifferenti. Venerdì 11 settembre centinaia di persone parteciperanno alla “Marcia delle donne e degli uomini scalzi” che si svolgerà a Perugia e in numerose città italiane in solidarietà con tutte le donne, gli uomini e i bambini che, per salvare la propria vita, sono costrette ad affrontare sfide terribili, umiliazioni e sofferenze, se non addirittura la morte.

La Marcia partirà da Piazza Italia alle ore 17.30 e si concluderà in Piazza della Repubblica intorno alle 18.30-19.00.

“Abbandonare tutto - si legge nell’appello della Marcia - mettere il proprio corpo e quello dei tuoi figli dentro a una barca, a un tir, a un tunnel e sperare che arrivi integro al di là, in un ignoto che ti respinge, ma di cui tu hai bisogno. Sono queste le donne e gli uomini scalzi del 21°secolo e noi stiamo con loro.”

“Non è pensabile fermare, respingere o maltrattare chi scappa dalle guerre, dalla fame e dalle ingiustizie” dicono i promotori.  “Per affrontare questa crisi serve una chiara e diffusa assunzione di responsabilità. Non ci sono soluzioni semplici ma servono misure coraggiose e lungimiranti da parte di tutte le istituzioni locali, nazionali ed europee.

Con questa iniziativa chiediamo l’adozione di nuove politiche di gestione del dramma delle migrazioni, di accoglienza dei rifugiati coerenti con i principi e le norme internazionali (come precisato nell’appello che segue). Ma anche ciascuno di noi, a Perugia e in Umbria deve fare la sua parte.”

Alla Marcia hanno sin’ora aderito: Giovani Musulmani d’Italia, Tavola della pace, Amnesty International Umbria, Cidis Onlus, Rivista “San Francesco Patrono D’Italia”, Monimbò Bottega del Mondo, Cooperativa Sociale Perusia, Libera Umbria, Associazione Margot, Cittadinanzattiva Umbria, Associazione Sinistra Lavoro, Un Ponte per.., Ya Basta! Perugia, Forum Regionale Giovani dell’Umbria, Arci, Smascherati-Human Beings, ASGI Umbria, Federconsumatori Umbria, Associazione Gylania, Felcos Umbria, CISL Umbria, ANPI Marsciano, Acli Perugia, Camera del Lavoro di Perugia, Comitato per la pace di Umbertide-Montone-Lisciano Niccone, Rifondazione Comunista dell’Umbria, Altra Europa con Tsipras Umbria, Rete delle donne antiviolenza, Partito Democratico Perugia, Provincia di Perugia, Radicali Perugia, Altrascuola - Rete degli Studenti Medi Perugia, ISDE Perugia, Associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica, Centro Antiviolenza di Perugia, Associazione Libera..Mente Donna, Associazione Terra Umbra Eggi-Spoleto

Info: www.perlapace.it


APPELLO
E' arrivato il momento di decidere da che parte stare. E' vero che non ci sono soluzioni semplici e che ogni cosa in questo mondo è sempre più complessa. Ma per affrontare i cambiamenti epocali della storia è necessario avere una posizione, sapere quali sono le priorità per poter prendere delle scelte.

Noi stiamo dalla parte degli uomini scalzi. Di chi ha bisogno di mettere il proprio corpo in pericolo per poter sperare di vivere o di sopravvivere. E' difficile poterlo capire se non hai mai dovuto viverlo. Ma la migrazione assoluta richiede esattamente questo: spogliarsi completamente della propria identità per poter sperare di trovarne un'altra. Abbandonare tutto, mettere il proprio corpo e quello dei tuoi figli dentro ad una barca, ad un tir, ad un tunnel e sperare che arrivi integro al di là, in un ignoto che ti respinge, ma di cui tu hai bisogno.

Sono questi gli uomini scalzi del 21°secolo e noi stiamo con loro. Le loro ragioni possono essere coperte da decine di infamie, paure, minacce, ma è incivile e disumano non ascoltarle.

La Marcia degli Uomini Scalzi parte da queste ragioni e inizia un lungo cammino di civiltà. E' l'inizio di un percorso di cambiamento che chiede a tutti gli uomini e le donne del mondo globale di capire che non è in alcun modo accettabile fermare e respingere chi è vittima di ingiustizie militari, religiose o economiche che siano.

Non è pensabile fermare chi scappa dalle ingiustizie, al contrario aiutarli significa lottare contro quelle ingiustizie. Dare asilo a chi scappa dalle guerre, significa ripudiare la guerra e costruire la pace.
Dare rifugio a chi scappa dalle discriminazioni religiose, etniche o di genere, significa lottare per i diritti e le libertà di tutte e tutti.
Dare accoglienza a chi fugge dalla povertà, significa non accettare le sempre crescenti disuguaglianze economiche e promuovere una maggiore redistribuzione di ricchezze.

Venerdì 11 settembre lanciamo da Venezia la Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi. In centinaia cammineremo scalzi fino al cuore della Mostra Internazionale di Arte Cinematografica. Ma invitiamo tutti ad organizzarne in altre città d'Italia e d'Europa.

Per chiedere con forza i primi quattro necessari cambiamenti delle politiche migratorie europee e globali:
1. certezza di corridoi umanitari sicuri per vittime di guerre, catastrofi e dittature
2. accoglienza degna e rispettosa per tutti
3. chiusura e smantellamento di tutti i luoghi di concentrazione e detenzione dei migranti
4. creare un vero sistema unico di asilo in Europa superando il regolamento di Dublino

Perché la storia appartenga alle donne e agli uomini scalzi e al nostro camminare insieme.

L'appuntamento è Venerdì 11 settembre alle 17.00 a Lido S.M.Elisabetta.
Se qualcuno decide di organizzare altre manifestazioni di donne e uomini scalzi lo stesso giorno in altre città ce lo comunichi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


PRIMI FIRMATARI
Lucia Annunziata
Don Vinicio Albanesi
Gianfranco Bettin
Marco Bellocchio
Don Albino Bizzotto
Elio Germano
Gad Lerner
Giulio Marcon
Valerio Mastrandrea
Grazia Naletto
Giusi Nicolini
Marco Paolini
Costanza Quatriglio
Norma Rangeri
Roberto Saviano
Andrea Segre
Toni Servillo
Sergio Staino
Jasmine Trinca
Daniele Vicari
Don Armando Zappolini (CNCA)
Mauro Biani, vignettista de il Manifesto
Fiorella Mannoia
Frankie Hi Nrg
Maso Notarianni
Ascanio Celestini
Amnesty International Italia
CGIL Nazionale
Emergency
Arci
Acli
Terres des Hommes
Mani Tese
Medici Senza Frontiere

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa