Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Incontri XXV Anniversario dell'omicidio di Umberto Mormile - 11 Aprile

Ci vediamo a...

XXV Anniversario dell'omicidio di Umberto Mormile - 11 Aprile

20150411-25-anni-mormileQuesta, purtroppo, è una storia come tante altre storie che sono accadute in Italia quando sono ammazzati uomini di Stato che toccano o sono toccati da faccende scottanti.

Cosa hanno in comune Peppino Impastato, Beppe Alfano, Graziella Campagna oltre ad essere vittime innocenti di mafia? Sicuramente il tentativo di depistaggio delle indagini su mandanti ed esecutori dei loro omicidi. Impastato era un terrorista e poi un suicida, Alfano un femminaro, Campagna una ragazzina scappata con il fidanzato. Solo dopo anni e anni di battaglie, combattute in solitudine dalle loro famiglie e dai pochi che le hanno sostenute, è stata consegnata alla Storia una verità processuale corrispondente alla verità dei fatti accaduti.

Umberto Mormile, educatore carcerario, fu ucciso a Lodi l'11 aprile del 1990. La sentenza definitiva del processo per il suo omicidio determinò la condanna del boss Domenico Papalia in qualità di mandante e di Antonio Schettini in qualità di esecutore materiale, ma durante le indagini emersero evidenti tentativi di depistare l'inchiesta. Lo stesso Schettini, in carcere dopo l'arresto, tentò di sviare le indagini, cercando di scagionare ingiustamente Papalia. La sigla "Falange Armata" nacque con la rivendicazione dell'omicidio Mormile.

L'11 aprile 2015 saranno passati venticinque anni dall'omicidio di Umberto. La sua famiglia, amareggiata dalle stranezze che costellarono l'espletamento delle indagini sul delitto e dalle voci infamanti su Umberto che emersero durante i processi, non ha mai voluto ricordare Umberto pubblicamente.

A fine gennaio scorso Stefano Mormile, fratello di Umberto, ha contattato Salvatore Borsellino, l'avvocato Fabio Repici ed il magistrato Giovanni Spinosa (Presidente del tribunale di Teramo, già Pubblico Ministero delle indagini a Bologna sulla 'banda della Uno Bianca'). E' nato così uno scambio di conoscenze che ha permesso di individuare nuovi elementi sui moventi dell'omicidio Mormile. Si tratta in un quadro che contiene indizi sulle vere ragioni dietro quell'ordine di morte e che dimostra la completa infondatezza delle calunnie ai danni di Umberto Mormile.

Qualche giorno fa Stefano Mormile ha scritto queste parole: "M'è tornata la voglia: voglio dire quello che so e quello che penso, anche a chi non vuol sentire, soprattutto a chi non vuol sentire" ed ha proposto al Movimento Agende Rosse di organizzare un evento, per i 25 anni della morte del fratello. La scelta sul luogo è caduta su Palermo, città simbolo per rilanciare una richiesta di verità su delitti i cui moventi rimandano all'esistenza di contiguità tra criminalità organizzata e potere.

Sabato 11 aprile 2015 alle ore 16.00, a Palermo, nel luogo dove parlò per l'ultima volta pubblicamente Paolo Borsellino, Casa Professa (piazza Casa Professa, n.1), verrà ricordato - per la prima volta pubblicamente - Umberto Mormile. All'evento, moderato da Federica Fabbretti, interverranno Stefano Mormile, Giovanni Spinosa, Fabio Repici e Giuseppe Lo Bianco (giornalista de 'Il Fatto Quotidiano'). L'evento, promosso dal Movimento Agende Rosse e da Scorta Civica Palermo, non sarà una semplice commemorazione ma un tentativo di affermare la verità dei fatti sulla persona di Umberto Mormile. In questa occasione sarà inoltre presentato dai relatori l'avvio di un progetto di studio ed analisi in merito ad alcuni fatti di sangue accaduti in Italia tra il 1978 ed il 1993 e tra i quali è possibile inquadrare anche l'uccisione di Umberto Mormile.

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare all'incontro per sostenere la famiglia Mormile nell'avvio di questo percorso per conoscere i fatti e riaffermare la verità sull'omicidio di Umberto.

L'evento facebook: facebook.com/events/752086601572101
    
ARTICOLI CORRELATI

Oltre la Falange Armata, il mistero sul delitto Mormile

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...


L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa