Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Incontri Pasolini alla casa della madre. Fotografie di Letizia Battaglia - 31 Gennaio

Ci vediamo a...

Pasolini alla casa della madre. Fotografie di Letizia Battaglia - 31 Gennaio

pasolini-copyright-letizia-battagliaUn’iniziativa di grande spessore, culturale, umano e artistico, apre il ricco programma di iniziative che il Centro Studi Pasolini di Casarsa ha in animo di organizzare nel 2015, anno che, con il quarantennale della scomparsa del grande poeta, sarà speciale e tutto pasoliniano. Alle ore 18 di sabato 31 gennaio 2015, presso Casa Colussi di Casarsa della Delizia, via Guido Alberto Pasolini 4, (Pordenone), sarà inaugurata dunque la mostra Pasolini alla casa della madre con le straordinarie fotografie che la grande fotografa siciliana Letizia Battaglia scattò a Pasolini nel 1972 e alle quali, per questa occasione eccezionale, ha voluto affiancare anche la serie degli “Invincibili”, omaggi-decoupage ai grandi spiriti liberi del mondo, da Pasolini appunto a Freud, al Gesù del Michelangelo diciassettenne, Virginia Wolf o Joyce.

Nell’esposizione, con catalogo curato da Angela Felice in collaborazione con Giovanna Calvenzi, MariaChiara Di Trapani, Carlo Madesani e la stessa Battaglia, Pasolini però resta stella fissa, protagonista di una splendida teoria di 18 ritratti in bianco e nero che , dopo la mostra e per volontà dell’autrice, saranno donati al già ricco fondo fotografico di Casa Colussi. Come per un ritorno “alla casa della madre”, appunto, secondo il commosso titolo che l’autrice ha voluto fermamente per questa mostra casarsese.

Letizia Battaglia scattò le sue foto pasoliniane nel novembre 1972, quando Pasolini fu invitato al Circolo Turati di Milano a discutere della “Libertà d’espressione tra repressione e pornografia”, insieme a Morando Morandini, Giovanni Raboni, l’avvocato Marco Janni e Giancarlo Ferretti, moderatore del dibattito. Lo spunto veniva dall’ultimo film di Pasolini, I racconti di Canterbury, continuamente bloccato e sbloccato dalla censura in ragione di una presunta offesa al comune senso del pudore, ai sensi dell’articolo 529 del Codice Rocco. E’ uno dei tanti capitoli dell’incredibile odissea giudiziaria di Pasolini, che pure in occasione di quell’incontro fu fatto oggetto di attenzione, ma anche di accuse arroventate di disimpegno e di deviazionismo decadente. Accuse dal “Movimento” e da sinistra, in quel caso, a cui il regista si sottopose con la consueta mite e acuminata lucidità.

Di quella giornata accalorata resta una straordinaria documentazione nella galleria di primi piani realizzati da Letizia, che era in mezzo alla folla accaldata e anche da quella lacerante occasione avviò la scelta di diventare fotografa, coraggiosa, appassionata e militante, poi celebre per i tragici scatti ai delitti di mafia o ai volti dolenti e bellissimi delle donne siciliane, prima donna europea a ricevere nel 1985, ex aequo con l’americana Donna Ferrato, il Premio Eugene Smith, a New York, riconoscimento internazionale istituito per ricordare il fotografo di “Life”.
Se per il Centro Studi è un onore averla come amica, per lei, stupenda “ragazza” di 80 anni, venire nella terra di Pier Paolo è senza retorica il coronamento di un sogno.

Info: centrostudipierpaolopasolinicasarsa.it

Pasolini alla casa della madre. Fotografie di Letizia Battaglia
Casa Colussi, Casarsa della Delizia

31 gennaio > 31 marzo 2015
apertura lunedì > venerdì 15.00 / 18.30
sabato e domenica 15.00 / 19.00

ARTICOLI CORRELATI

Pier Paolo Pasolini e Letizia Battaglia: galleria di un volto “strano”, di Angela Felice

pasolini-copyright-letizia-battaglia-2

sabato 31 gennaio 2015 _ ore 18.00

con la presenza di
Letizia Battaglia

e di
MariaChiara Di Trapani e Carlo Madesani

introduce
Angela Felice

saluti
Teresa Tassan Viol

Centro Studi Pier Paolo Pasolini
via Guido Alberto Pasolini 4 / Casarsa della Delizia PN

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...


L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa