Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Incontri Bruno Caccia, il diritto alla verità - 3 Ottobre

Ci vediamo a...

Bruno Caccia, il diritto alla verità - 3 Ottobre

20141003-bruno-caccia-ildirittodellaveritaVideo
Appuntamento a Milano venerdì 3 Ottobre 2014, ore 18.15, Sala Alessi - Palazzo Marino

Riaprire le indagini sull'omicidio di Bruno Caccia. Lo chiedono i figli del Procuratore di Torino ucciso il 26 giugno 1983. Colmare le lacune lasciate dai processi nella ricostruzione dei fatti, individuare i grossi interessi criminali, non solo mafiosi, messi a rischio dall'azione del magistrato ucciso.

Ne parliamo con: Paola e Guido Caccia, Fabio Repici (avvocato famiglia Caccia), Mario Vaudano (ex magistrato a Torino consulente famiglia Caccia), Fosca Nomis (Presidente Commissione Antimafia a Torino), Nando dalla Chiesa, David Gentili (evento facebook).



Bruno Caccia, una storia ancora da scrivere
Un viaggio per ricostruire la storia di Bruno Caccia, Procuratore Capo di Torino, ucciso il 26 giugno del 1983. Dopo trentuno anni dall'omicidio esiste un unico colpevole: Domenico Belfiore, ritenuto dalla Giustizia il mandante dell'assassinio.
Partendo dalla richiesta dei figli, che dopo 30 anni chiedono che sia fatta chiarezza attorno all'esecuzione del padre, il documentario ricostruisce - attraverso la voce dei protagonisti di quegli anni - il contesto di Torino, le inchieste più scomode condotte da Bruno Caccia e gli scenari inediti e inesplorati che evidenziano altri interessi dietro l'eliminazione del magistrato, oltre a quelli di Domenico Belfiore e della 'ndrangheta.
Il documentario ( autori Elena Ciccarello e Davide Pecorelli; regia e montaggio di Christian Nasi) è prodotto da Libera Piemonte e Acmos (giugno 2013).


Fonte: L'ufficio stampa di Acmos e Libera Piemonte

Tratto da:
19luglio1992.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa