Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Incontri "Festival della legalità" a Corleone - dal 13 al 15 gennaio

Ci vediamo a...

"Festival della legalità" a Corleone - dal 13 al 15 gennaio

festival legalita corleone-webIl “Festival della Legalità in Tour" fa tappa a Corleone.
Vent'anni dopo l'arresto di Totò Riina - tre giorni di DIBATTITI, MOSTRE e VIDEOPROIEZIONI nel segni della Legalità


Totò Riina, vent’anni dopo. Il “Festival della Legalità in Tour”, organizzato dalla Zerotre S.r.l. con il patrocinio del Comune di Corleone e la collaborazione del C.I.D.M.A., dell’Unione dei Comuni del Corleonese e del Consorzio Terre di Corleone, sbarca nella terra di Riina e Provenzano, per celebrare il ventesimo anniversario della cattura del capo dei capi. Dibattiti, mostre e videoproiezioni nel segno della legalità e della lotta alla mafia si susseguiranno per tre giorni, a partire da domenica 13 gennaio e sino a martedì 15 gennaio 2013, data storica in cui Totò u curtu fu ammanettato dopo 23 anni di latitanza. La manifestazione, che intende rendere il giusto tributo a tutte le vittime innocenti di Cosa nostra, passerà al setaccio gli anni più bui di Corleone, quelli della “mattanza” operata dal clan dei Corleonesi che nel corso della seconda di guerra di mafia ha visto cadere alcuni dei personaggi più illustri della lotta alla mafia, quali il giornalista Mario Francese, il capo della squadra mobile Boris Giuliano, i giudici Cesare Terranova, Antonino Saetta e Rocco Chinnici, il presidente della Regione Siciliana Piersanti Mattarella, il prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, il dirigente della squadra mobile Ninni Cassarà e molte altre vittime innocenti. Ma anche gli anni della speranza, ovvero quelli in cui Corleone – all’indomani dell’arresto di Riina che segnò di fatto la fine della stagione stragista – è protagonista di una vera e propria inversione di tendenza. Sulla scia dello sdegno suscitato dalle bombe di Capaci e via D’Amelio, anche quella che nell’immaginario collettivo è la “capitale della mafia”, da sempre soggiogata dalla presenza ingombrante delle famiglie Riina-Provenzano, si muove per voltare pagina. Per tre giorni, davanti agli studenti corleonesi, a ripercorrere quegli anni e a ricordare il sacrificio di chi ha perso la vita per un ideale di giustizia e legalità, saranno magistrati, giornalisti, rappresentanti di associazioni e cooperative impegnate sul fronte dell’antimafia. Ai giovani corleonesi, rappresentanti di una terra vogliosa di riscatto ed orgogliosa della propria storia, i magistrati Gaetano Paci e Vittorio Teresi e i familiari di chi ha perso un proprio congiunto per mano di Cosa nostra quali Giovanni Chinnici, Roberto Saetta e Giulio Francese ragioneranno nelle vesti di testimonial della legalità sulla “riconquista di Corleone” da parte di chi crede nella legalità. Di chi crede che attraverso il proprio “no” risoluto alla criminalità organizzata e al suo codice d’omertà possa arrivare un cambiamento epocale. La manifestazione si snoderà attraverso diversi luoghi simbolo dell’antimafia corleonese, a cominciare dal Centro Internazionale di Documentazione sulle Mafie e del Movimento Antimafia che custodisce alcuni faldoni del primo storico maxiprocesso donati dalla Camera penale del Tribunale di Palermo. Passando per il Complesso monumentale di Sant’Agostino, restituito di recente alla fruizione della città, e per il Museo Civico istituito dal Comune nei primi anni Novanta. Il ricordo delle vittime di Cosa nostra vivrà due momenti clou. Il primo, in programma il 14 gennaio, prevede l’intitolazione di una strada nei pressi della centralissima piazza Falcone e Borsellino alla memoria del Commissario di Polizia Boris Giuliano. Martedì 15 gennaio, a vent’anni esatti dalla cattura di Riina, a Ficuzza sarà invece scoperta la targa che battezzerà una strada con il nome del vicequestore Ninni Cassarà. “Questa manifestazione – sottolinea il sindaco di Corleone Leoluchina Savona – è espressione di un sentimento diffuso tra i corleonesi, sempre più insofferenti alla logica e alla prepotenza del sopruso mafioso. A vent’anni dall’arresto del suo 'padrino', Corleone mostra al mondo intero un volto nuovo: quello di una città che promuove il turismo antimafia per abbattere gli stereotipi enfatizzati dalle pellicole cinematografiche e che vanta un primato positivo nel riutilizzo di beni confiscati restituiti alla società. Un ulteriore colpo al cuore inferto a Cosa nostra da parte di una città che non dimentica il suo passato glorioso fatto di santi quali San Bernardo e San Leoluca e di corleonesi che non sono scesi a patti con la mafia quali Bernardino Verro e Placido Rizzotto”.

IL PROGRAMMA

Domenica 13 gennaio 2013

Ore 10.30 Inaugurazione Festival della Legalità in Tour

Piazza Garibaldi
Inaugurazione Ulivo della Legalità

Complesso monumentale Sant’Agostino
Inaugurazione mostre “Non tutti i pizzini sono uguali” e “Una vita in cronaca. Per rompere il silenzio” con il presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia Riccardo Arena e Giulio Francese, figlio del cronista del Giornale di Sicilia assassinato dalla mafia nel 1979

Museo Civico
Ricordo dell’archeologo Giovanni Valenti e presentazione del “Miliarium” a cura del Dott. Angelo Marino

Interverranno il sindaco di Corleone Leoluchina Savona, il presidente del C.I.D.M.A. Marcello Barbaro, gli assessori, i consiglieri comunali e le Cooperative antimafia

Ore 11.30 - C.I.D.M.A. 
Incontro-dibattito “Tra mafia e Stato”
Gaetano Paci, sostituto procuratore presso la Procura di Palermo e presidente della “Fondazione Progetto Legalità in memoria di Paolo Borsellino e di tutte le altre vittime della mafia”, fa il punto sulla stagione delle stragi e sull’intreccio tra poteri.

Modera Riccardo Arena, cronista di giudiziaria de “Il Giornale di Sicilia” e presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia.

Ore 17.30 - C.I.D.M.A.
 Proiezione del documentario “1367 – La tela strappata” di Giancarlo Licata, prodotto dalla Novantacento in collaborazione con Rai Teche


Lunedì 14 gennaio 2013

Ore 10.00 - Complesso monumentale Sant’Agostino -
 Incontro-dibattito “Ripartire da Corleone”
Giovanni Chinnici, Roberto Saetta e Giulio Francese, familiari di alcune vittime della mafia, tornano a Corleone nel ventennale dell’arresto di Totò Riina. Un racconto inedito di Cosa nostra vista attraverso gli occhi di chi, gravemente colpito negli affetti, ha trasformato il dolore personale in impegno quotidiano per promuovere la giustizia e la legalità. Affinché la memoria, da fatto privato, diventi impronta storica ed esempio collettivo.

Modera il giornalista del “Corriere della Sera” Felice Cavallaro, tra i cronisti che raccontarono il giorno dell’arresto di Totò Riina sui giornali.

Ore 11.30 - Largo Cappuccini
Intitolazione strada a Boris Giuliano


Martedì 15 gennaio 2013

Ore 10.00 - Complesso monumentale Sant’Agostino
Incontro-dibattito “15 gennaio 1993, un giorno in Procura”
Il giornalista di “Repubblica” Franco Viviano, tra i cronisti che raccontarono il 15 gennaio 1993 sui quotidiani, intervista il procuratore aggiunto di Palermo Vittorio Teresi. Il magistrato era in servizio al Tribunale del capoluogo siciliano proprio nel giorno dell’arresto di Totò Riina.

Ore 12.00 - Bevaio Borbonico di Ficuzza
Intitolazione strada a Ninni Cassarà

Tutti gli appuntamenti del Festival della Legalità in Tour saranno ripresi e mandati in onda su livesicilia.it.

 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa