Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... MAFIANEWS Processo Borsellino quater Borsellino quater, Scarantino: ''Gli ispettori che avete sentito al processo hanno mentito. Loro mi davano indicazioni''

Ci vediamo a...

Borsellino quater, Scarantino: ''Gli ispettori che avete sentito al processo hanno mentito. Loro mi davano indicazioni''

toga-web6di Aaron Pettinari e Miriam Cuccu - 28 maggio 2015
“Chi avete sentito al processo, gli ispettori Mattei, Ribaudo, Valenti non dicono la verità. L’unica cosa che i primi due hanno detto di vero è che sono venuti a casa mia. Ma la verità è che mi hanno aiutato a sistemare le mie dichiarazioni. Io voglio fare un confronto con Mattei, l’ho detto al mio avvocato”. E’ questo l’atto d’accusa di Vincenzo Scarantino, imputato al processo Borsellino quater ed oggi ascoltato dalla Corte. “Loro - ha precisato - dicono che non è vero che aggiustavano le dichiarazioni ma non è così.
Io non dico che sono persone cattive perché loro me li ha garantiti La Barbera. Lui mi disse che mi avrebbero dato una mano. E loro hanno fatto il lavoro che gli aveva assegnato La Barbera, che era informato di tutto. Mi ricordo anche che una volta, prima di un processo mi dice La Barbera: ‘Segui loro, non ti preoccupare che sarai una bomba’”. A Scarantino, durante l’esame, sono anche stati mostrati i verbali dove sono presenti alcune annotazioni: “Questa non è la mia scrittura - ha detto con fermezza - Ci sono annotazioni e bigliettini, la grafia è la stessa ma non è la mia. Sono cose da aggiungere o precisare. Chi mi diceva come intervenire? Il Mattei o quando andavo ai processi e agli interrogatori anche il dottor Bo e La Barbera mi prendevano da parte”.
Scarantino è poi entrato nello specifico: “Venivano a casa Ribaudo e Mattei. Loro si prendevano i verbali e loro mi spiegavano meglio. C’erano anche annotazioni su Andriotta e Candura. Ricordo anche che, oltre ai verbali, mi leggevano il libro su Buscetta per insegnarmi la grammatica, insegnare come parlare, perché dovevo essere come Buscetta. Loro mi aiutavano e poi io andavo dai magistrati e rettificavo le cose”.
Dopo una contestazione del pm Paci sul come avesse ricevuto certi verbali, il picciotto della Guadagna ha confermato che gli erano stati dati negli uffici della Squadra Mobile a Roma. “Mentre ci allontanavamo c’era Mattei. Lui me li ha dati attraverso la dottoressa Palma”.


Scarantino: "Della 126 non sapevo niente. Mi fecero vedere le foto, poi parlai con i magistrati"
di Aaron Pettinari e Miriam Cuccu - 28 maggio 2015

"Io ho detto a Giampiero Valenti e Mimmo Militello, nella caserma di Bocca di Falco a Palermo, che della 126 non ne sapevo niente" ha spiegato il falso pentito Vincenzo Scarantino parlando dei sopralluoghi fatti per individuare il Garage di Orofino, in via Messina Marina, dove è stata portata la 126 poi imbottita di tritolo per la strage di via D'Amelio. "Eravamo io, Militello, Valenti, 'u Francisi e l'ispettore Inzerillo, abbiamo preso via Messina Marina e io non avevo indovinato, poi siamo scesi di nuovo e io non avevo indovinato… dico 'forse mi è sfuggito'. Allora Valenti mi dice 'è là'" indicando l'ubicazione da lontano. Della carrozzeria di Orofino, ha precisato il falso collaboratore di giustizia, "mi hanno mostrato queste foto però non so indicare se è stato prima o dopo aver detto che della 126 non ne sapevo niente". Il primo riconoscimento fotografico avvenne il 29 giugno '94, davanti ai magistrati Petralia, Tinebra, Saieva e Boccassini: "Io non ho riconosciuto la carrozzeria, poi mi hanno fatto vedere le foto, dopo parlai con i magistrati, però se non vedevo le foto a loro non dicevo niente".
"Mi dicevano che dovevo sempre insistere nelle cose in cui c'era il dubbio - ha affermato ancora il picciotto della Guadagna - dovevo insistere che la cosa era così e basta, così mi dicevano i poliziotti, cioè il gruppo Falcone e Borsellino. Dicevano che mi dovevo arrabbiare, che dovevo sostenere la mia tesi". Parlando di Valenti, Militello, La Barbera, Scarantino ha aggiunto: "Mi hanno insegnato che non dovevo dire 'questi hanno fatto la strage' ma 'noi'. Però nella testa non mi entrava, dopo l'ho imparato a memoria".
Tornando al summit di mafia, Scarantino ha parlato del fatto che solo più di un anno dopo disse della presenza di Giovanni Brusca, oggi collaboratore di giustizia: "Brusca me l'hanno suggerito, non l'ho mai visto in vita mia, così come tante altre persone".


Borsellino quater, Scarantino: “I nomi di Riina, Graviano, Aglieri? Loro erano la ciliegina”
di Aaron Pettinari e Miriam Cuccu - 28 maggio 2015

“L’unico che conoscevo personalmente era Pietro Aglieri. Altri li mettevo così. E quando non mi ricordavo o andavo in confusione interrompevo l’interrogatorio, chiedevo di andare in bagno e loro (alcuni membri del Gruppo Falcone-Borsellino, ndr) mi davano le indicazioni”. E’ così che Vincenzo Scarantino, sotto processo al Borsellino quater per calunnia aggravata, spiega le modalità con cui sono stati inseriti i boss di Cosa nostra nella riunione di villa Calascibetta. “Riina ed Aglieri come potevano mancare? Loro erano la ciliegina della torta - ha raccontato il picciotto della Guadagna - Aglieri lo vedevo spesso alla Guadagna e sapevo come era fatto. Mi hanno suggerito le cose, mi hanno detto di dire che aveva premuto il telecomando assieme ad altre persone. Perché ho indicato anche persone fuori borgata? Mi dicevano così. Io Renzino Tinnirello sapevo chi era ma non più di buongiorno e buonasera. Mio fratello mi diceva che era importante e se ho avuto cose di droga con lui è per tramite di mio fratello ma mai in maniera diretta io. Ma anche il discorso di Tinnirello è nato dalle discussioni concordate che si facevano”. Sulla presenza di Giuseppe Graviano alla riunione i pm hanno ricordato allo Scarantino il mancato riconoscimento della foto, il 29 giugno 1994. “Io sapevo di non rischiare. Mi dicevano sempre di stare tranquillo anche se dentro di me sapevo che dove andavo, andavo, potevo essere screditato. E io andavo in bagno se entravo in confusione. Sono andato così tante volte che sembravo un malato di prostata. E lì loro, Bo, La Barbera, mi dicevano ‘di  così, così, così’”. Scarantino ha anche spiegato che in merito al furto della 126 i motivi di alcune discrepanze con le dichiarazioni di Andriotta e Candura erano dovuti al fatto che l’indicazione data a lui era quella di fissare alcuni punti fermi in quelli che erano i suoi ricordi reali. “La Barbera mi consigliò di ‘prendere un punto dove ricordavo’. Ed io ho preso il punto di via Roma per la consegna della macchina. Non importava se andavo contro Candura, l’importante è che facevo i nomi”.


Scarantino: riunione a villa Calascibetta? Decidemmo il luogo con La Barbera
di Aaron Pettinari e Miriam Cuccu - 28 maggio 2015

"Quando cominciai a fare colloqui investigativi entrando nel vivo La Barbera voleva sapere dove avevamo fatto la riunione (durante la quale sarebbero state prese decisioni sulla strage di Via d'Amelio, ndr) mi sono messo a ridere - ha detto il falso pentito Vincenzo Scarantino al processo Borsellino quater - non sapevo che dire e ho detto prima Piano Stoppa, dove c'era la mia casetta in campagna, dopo nelle parti dello Zen, poi abbiamo deciso con La Barbera di dire da Peppuccio Calascibetta, che era latitante". Il picciotto della Guadagna ha poi specificato che "questa riunione l'ho sentita sul Tg3" rielaborando poi le informazioni apprese alla televisione e che "l'abbiamo presa assieme" la decisione del luogo, perchè la Barbera diceva che "la mia indagine porta là" e anche perchè "la polizia, i carabinieri, le forze dell'ordine non vanno nella villetta che di un latitante", mentre invece "lo Zen era troppo rischioso, c'era troppa polizia".
"Una volta si parlava (con La Barbera, ndr) per il fatto che io uscivo subito dal carcere, e lui mi ha parlato di Cancemi, che io non conoscevo (il pentito Salvatore Cancemi, deceduto, ndr).  Mi diceva - ha raccontato ancora Scarantino - che non erano solo Andriotta e Candura ad accusarmi, ma anche Cancemi mi stava tirando in ballo, io ho detto fatemi parlare con lui e vediamo. Volevo cambiare carcere e La Barbera mi ha detto che se collaboravo non ci sarei tornato più".
Sul ruolo di "uomo d'onore riservato" che il picciotto della Guadagna aveva dichiarato di avere, ha poi commentato: "Io avevo detto a La Barbera che non potevo essere un uomo d'onore. Avevo detto quello che ero, un ragazzo cresciuto nella strada, andavo a rubare, vendevo sigarette".


Borsellino quater, Scarantino: “La Barbera mi presentò uno importante. Non so se era dei Servizi”
di Aaron Pettinari e Miriam Cuccu - 28 maggio 2015

“Quando mi trovavo al carcere di Pianosa vennero Arnaldo La Barbera, un comandante della polizia penitenziaria ed un altra persona che non conoscevo. La Barbera me lo presenta come uno ‘importante’, un amico. Sicuro era più in alto di lui”. E’ ricominciato così, questa mattina, l’esame del falso pentito Vincenzo Scarantino, imputato al processo Borsellino quater. Rispondendo alle domande dei pm nisseni Paci e Luciani, Scarantino ha ribadito quanto detto durante la trasmissione di Michele Santoro, Servizio Pubblico, nel gennaio 2014. Durante quell’intervista, alla domanda circa la presenza di agenti dei servizi segreti, rispose che in un'occasione il questore Arnaldo La Barbera si presentò in carcere con uno sconosciuto che indicò come un "personaggio importante", ma di non sapere se fosse dei "servizi". Ed oggi ha confermato: “C’era questo uomo con i capelli castani. Era la prima volta che lo vedevo. Erano venuti davanti alla cella dove io ero in isolamento. Questa persona mi dice di stare tranquillo, di fare quello che il dottor La Barbera mi diceva. Era in borghese ma capì che era più importante di La Barbera. Quel che è certo è che dopo Pianosa non l’ho rivisto più”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa