Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi Di Matteo e de Raho al Premio VAS (Verdi Ambiente e Società) - Sorrento, 3 Novembre

Ci vediamo a...

Di Matteo e de Raho al Premio VAS (Verdi Ambiente e Società) - Sorrento, 3 Novembre

deraho dimatteo c imagoeconomica e p bassaniSorrento. Sabato 3 novembre alle ore 17 a Villa Fiorentino, prestigiosa sede della Fondazione Sorrento, si aprirà la due giorni del consueto appuntamento che la Città del Tasso rinnova con il premio VAS (Verdi Ambiente e Società). La kermesse che ogni anno sottopone all’uditorio i temi di dibattito più attuali, quest’anno si apre con un convegno su “Criminalità, sicurezza e controllo democratico del territorio” che vedrà, tra gli interventi più significativi, quelli del Procuratore Nazionale Antimafia, Federico Cafiero de Raho, e del magistrato Antonino “Nino” Di Matteo. Parteciperanno, inoltre, il consigliere regionale Vincenza Amato, e Antonio Esposito, già presidente della II sez. Penale della Corte di Cassazione. Nel corso del convegno saranno ascoltate le testimonianze, tra gli altri di Antonio Turri, presidente nazionale dell’Associazione “I cittadini contro le Mafie e la Corruzione” e di don Antonio Coluccia, prete di frontiera impegnato nella lotta contro la criminalità organizzata.
Come detto ospite d'eccezione della manifestazione è Federico Cafiero de Raho. Il Procuratore Nazionale Antimafia è ormai di casa a Sorrento. I cittadini lo hanno conosciuto già nel 2005 in occasione del premio di poesia dedicato a Rosario Livatino organizzato dal Comune di Sorrento in collaborazione con l’associazione Encelado. All’epoca pubblico ministero nel primo processo "Spartacus", il magistrato ha rivestito un ruolo cruciale nel conseguimento dello storico risultato della condanna a ventuno ergastoli e a novecento anni complessivi di reclusione degli imputati affiliati alla cosca camorristica dei Casalesi. Da quel momento la carriera giudiziaria di Cafiero de Raho ha assunto una fortissima ascesa quasi che Sorrento gli avesse portato fortuna. Dal 2013, dopo anni di lavoro nella DDA di Napoli, è stato Capo della Procura di Reggio Calabria dove è stato esclusivo titolare delle indagini sul terrorismo internazionale. È del 2017 poi la sua nomina, adottata dal Consiglio Superiore della Magistratura all’unanimità, a Procuratore Nazionale Antimafia.
Altro intervento d’eccezione sarà quello di Antonino “Nino” Di Matteo, in magistratura dal 1991 come sostituto procuratore presso la DDA di Caltanissetta. Divenuto pubblico ministero a Palermo nel 1999, ha iniziato ad indagare sulle stragi di mafia in cui sono stati uccisi Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e gli agenti delle rispettive scorte, oltre che sugli omicidi di Rocco Chinnici ed Antonino Saetta; per l'omicidio Chinnici ha rilevato nuovi indizi sulla base dei quali riaprire le indagini e ottenere in processo la condanna anche dei mandanti, riconosciuti in Ignazio e Antonino Salvo, mentre per l'omicidio Saetta ha ottenuto l'irrogazione del primo ergastolo per Totò Riina. La kermesse proseguirà poi domenica alle 10, nella sala consiliare del Comune con la consegna delle Medaglie del Presidente della Repubblica e delle Menzioni d’onore a diverse personalità del panorama dell’impegno sociale alla presenza tra gli altri del presidente nazionale Vas Onlus, Gudo Pollice, di Daniele Granara e Rosario Fiorentino, membri del direttivo e dell’esecutivo dell’associazione VAS, e dei Magistrati de Raho e ed Esposito.

Fonte: ilmattino.it

Foto © Imagoeconomica/Paolo Bassani

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa