Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ci vediamo a...

''Contro il bullismo usa la dolcezza''. Pasqua 2018

20180308 pasqua albero sibillaQuest'anno, a Pasqua, scegli un uovo di cioccolato dell'Associazione l'Albero della Sibilla Onlus e aiuta i nostri volontari a realizzare uno dei tanti progetti finalizzati alla prevenzione del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo. Un'emergenza mondiale dai numeri in costante aumento e dai risvolti potenzialmente drammatici.
Con un piccolo gesto solidale puoi cambiare la vita di tanti giovani. Grazie per il tuo contributo!

Info: alberodellasibilla.it


PROGETTI
Bullismo
Bullismo e cyberbullismo, “un'emergenza sociale in costante aumento e dai risvolti potenzialmente drammatici. Non solo per la vittima, ma anche per il bullo e per tutta la comunità”. Lo spiega Telefono Azzurro nel suo ultimo dossier, in cui si legge di circa una richiesta di aiuto al giorno tra il settembre del 2015 e il giugno del 2016, di vittime sempre più giovani, “anche di 5 anni (22% dei casi)” e di gravi conseguenze, tra cui “situazioni di ansia diffusa che possono portare all'abbandono/dispersione scolastica, ad atti autolesivi, alle ideazioni suicidarie e ai tentativi di suicidio”.
Per contribuire alla risoluzione di questo problema ci impegneremo nello sviluppo di progetti rivolti ai giovani per fare corretta informazione e per educare all'empatia, alla diversità, alla tolleranza, al rispetto verso il prossimo. Incontri e conferenze sul tema saranno organizzati all'interno delle scuole, delle ludoteche, dei centri di aggregazione giovanile, delle parrocchie.
E saranno accompagnati da appuntamenti con genitori, insegnanti, educatori, psicologi, pedagogisti e altre figure professionali in grado di analizzare ed affrontare correttamente un fenomeno allarmante e in continuo aumento. Il fine è quello di fare prevenzione e, grazie al supporto dei professionisti con i quali collaboriamo, di intervenire per risolvere situazioni di difficoltà, sostenere le vittime e le loro famiglie sul piano psicologico e legale, aiutare i bulli a comprendere il peso delle loro azioni e a recuperare un rapporto sereno con se stessi e con gli altri.

bullismo progetto e cyber bullismo

Dipendenze
Il consumo di fumo, droga e alcool tra i giovani è un fenomeno in continua crescita, che sembra riguardare fasce di popolazione di età sempre più bassa.
Alla base del problema vi è di certo una sottovalutazione del pericolo connesso al loro utilizzo, spesso anche da parte di genitori e adulti in genere.
Una corretta informazione sui reali e molteplici rischi legati all'uso di tali sostanze si rivela quindi più che mai necessaria per contrastare tali piaghe giovanili. E da qui l'esigenza di organizzare una serie di incontri, conferenze, dibattiti sui temi in questione e lo sviluppo di progetti rivolti ai giovani, che saranno presentati all'interno delle scuole, delle ludoteche, dei centri di aggregazione giovanile, delle parrocchie.
Il fine è quello di fare prevenzione e, grazie al supporto dei professionisti con i quali collaboriamo, di intervenire laddove ci sia la necessità di un recupero.
Incontri, conferenze e dibattiti saranno dedicati anche ai genitori, agli insegnanti e agli educatori, al fine di promuovere un confronto costruttivo e di giungere a strategie comuni.

Emergenza educativa
Il progetto prevede la pianificazione di interventi volti a migliorare la qualità dell'educazione:
In Italia attraverso la programmazione di incontri, seminari, corsi su nuovi metodi educativi e didattici più vicini alle esigenze dei bambini; l'organizzazione di laboratori didattici.
All'Estero attraverso la raccolta fondi in favore del progetto “Scuola e alimentazione” in Guatemala dell'associazione Sulla Strada Onlus (www.sullastradaonlus.it). I volontari del progetto sono impegnati, dal 2001, a sottrarre i bambini di un villaggio estremamente povero dalla schiavitù del lavoro per garantire loro l'istruzione e il diritto alla salute e a un'alimentazione sicura.