Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi Premio Zappalà 2017 - S. Teresa di Riva, 2 Agosto

Ci vediamo a...

Premio Zappalà 2017 - S. Teresa di Riva, 2 Agosto

20170802 premio zappala 500Al via il conto alla rovescia per una delle serate più attese del periodo estivo nella nostra riviera. Il "Premio Zappalà", giunto quest'anno alla XII edizione vedrà la sua giornata evento, come al solito il 2 Agosto prossimo. Le aspettative che negli anni si sono poi positivamente concretizzate, non verranno certo disattese quest'anno. L'Associazione Amici di Onofrio Zappalà non si è, ancora una volta, risparmiata per quanto riguarda il nutrito numero di Ospiti che, anche per questa edizione, saranno i principali protagonisti della serata. Dopo il grande e personale successo di Nino Di Matteo, dello scorso anno, quest'anno personaggi non meno illustri calcheranno il palco dei Giardini di Villa Ragno a S. Teresa di Riva (ME). Si tratta di: Nicola Gratteri, Procuratore Capo della Repubblica di Catanzaro; Agnese Moro, Figlia dell'On Aldo Moro assassinato dalle BR nel 1979 e per finire Vincenzo Agostino e Augusta Schiera, Genitori di Nino Agostino che come uomo scorta di Giovanni Falcone gli salvò la vita in quello che doveva essere l'attentato dell'Addaura. Personaggi con vite e storie particolari che sicuramente avranno modo di farci riflettere ancora una volta, se non altro riportandoci alla storia recente per la condivisione di una memoria operante che oggi più che mai abbiamo il bisogno se non il dovere di approfondire per dare sempre più vita a coscienze nuove e pulite dentro.
Il programma della giornata che è dedicata al ricordo del 37° Anniversario della strage di Bologna del 2 agosto 1980 ed alla commemorazione di Onofrio Zappalà, morto in quella assurda carneficina, non presenta variazioni sostanziali rispetto agli anni precedenti, per quanto riguarda i vari appuntamenti che nell'arco della giornata si susseguiranno sino a tarda serata. La scaletta parte dal pomeriggio con l'apertura dello sportello filatelico di Poste Italiane per un annullo dedicato che andrà ad obliterare delle Cartoline Filateliche, appositamente disegnate in esclusiva per l'occasione, dai Maestri Nino Ucchino e Licinio Fazio, più una terza Cartolina creata dall'Associazione. Lo Sportello di Poste Italiane sarà aperto nella Piazza antistante la Chiesa Madre di S. Alessio Siculo.
Alle 18.30 la visita al Cimitero di S. Alessio Siculo dove verranno deposti dei fiori sulla tomba di Onofrio, per poi, alle ore 19 rientrare nella suddetta Chiesa Madre per la Celebrazione della S. Messa, alla quale, insieme ad Autorità Civili e Militari sarà presente la Dott. Agnese Moro.
Completata questa prima parte della giornata, ci spostiamo a S. Teresa di Riva ed esattamente nei Giardini dell'ex Villa Ragno, oggi Palazzo della Cultura con annesso Parco Unità d'Italia, dove alle ore 20.30 si darà inizio alla serata per la XII Edizione del "Premio Zappalà" 2017. Nel corso della serata verranno consegnate due borse di studio a Studenti del nostro Comprensorio e tre "Premi Zappalà" che quest'anno saranno destinati agli Ospiti sopra citati nelle persone di Nicola Gratteri, Agnese Moro e la Famiglia Agostino.
Non è facile portare avanti e mantenere un impegno ormai così importante con tale qualità di Ospiti ed anche quantità di pubblico presente, ma è sicuramente vero che oggi più che mai non si può abbassare la guardia della Memoria soprattutto per le nuove generazioni che, prese da tutt'altre attrazioni sconoscono la vera storia di un passato che gli appartiene e che indiscutibilmente sarà loro indispensabile per la costruzione e la gestione di un futuro migliore.
L'Associazione Amici di Onofrio Zappalà per questo è nata e per questo si spende nella programmazione di incontri con le Scuole e con la Società Civile, che durante l'anno pone in essere per concretizzare i propri fini.
Ci auguriamo consensi sempre in crescita al fine di condividere e far proprio ogni stimolo che ci induca a meglio operare per il futuro.

Associazione "Amici di Onofrio Zappalà"

L'evento facebook.com/events/1900886893483994

Per maggiori informazioni:
onofriozappala
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta