Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi Giornata della legalità. Un anno di Agende Rosse - Jesi, 22 Aprile

Ci vediamo a...

Giornata della legalità. Un anno di Agende Rosse - Jesi, 22 Aprile

20170422 giornata della legalita jesiIl gruppo Agende Rosse di Ancona e provincia organizza - con il patrocinio del Comune di Jesi, la collaborazione dell’Assessorato alla cultura, della Ing. Baldi srl, della Confartigianato e della BCC di Ostra e Morro d’Alba - la "GIORNATA DELLA LEGALITÀ - UN ANNO DI AGENDE ROSSE". Non solo per ricordare e fare memoria con Salvatore Borsellino, ma anche per affrontare i più delicati aspetti che riguardano l'attuale situazione del nostro territorio e per raccontare il primo anno di attività del gruppo.
Non si può andare verso il futuro senza ricordare il passato e analizzare il presente. Sabato 22 APRILE 2017 sarà presente a JESI (AN), al Teatro V. Moriconi, in Piazza Federico II, Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo Borsellino ucciso il 19 luglio 1992 con la sua scorta. Ma alla "GIORNATA DELLA LEGALITÀ" parteciperanno anche il Sindaco del Comune di Jesi Massimo Bacci, l'Assessore alla cultura Luca Butini, il Dirigente del Commissariato di Jesi Michele Morra, l'Ispettore della Squadra Mobile della Questura di Ancona Tiziana Maccari, rappresentanti della Confartigianato e dell'Istao (Istituto Adriano Olivetti) di Ancona, il vicedirettore di AntimafiaDuemila Lorenzo Baldo, attori di teatro e ragazzi delle scuole che presenteranno alcuni loro lavori e faranno i loro interventi.
Dopo l'incontro mattutino con i ragazzi, alle ore 17 Salvatore Borsellino incontrerà istituzioni e cittadinanza al convegno-dibattito pomeridiano, un talk serio ma anche divertente, dinamico e interattivo. Seguirà una cena solidale di raccolta fondi, il cui ricavato sarà devoluto per il progetto “Casa di Paolo”, nato da un'idea di Salvatore Borsellino che ha voluto realizzare nel difficile quartiere "La Kalsa" di Palermo un doposcuola-centro di aggregazione giovanile per togliere i più piccoli dalla strada e dunque dalle mani della mafia (per la cena è gradita la prenotazione al n. 327-4523537).

L'evento facebook.com/events/212638779222773

Scopri il menù della cena solidale: Clicca qui!

Le recensioni di AntimafiaDuemila

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...


LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca