Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi 'Vittime di Mafia: Quale Giustizia?' - Palermo, 21 Marzo

Ci vediamo a...

'Vittime di Mafia: Quale Giustizia?' - Palermo, 21 Marzo

20170321 vittime di mafia quale giustiziaL'Associazione universitaria Contrariamente-RUM organizza un incontro dal titolo "Vittime di Mafia: Quale Giustizia? - Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie", in programma martedì 21 Marzo alle 15.30 presso l'Aula Magna dell'ex Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Palermo.

All'incontro saranno presenti:

Nino Di Matteo Magistrato antimafia
Giuseppe Di Chiara professore di Procedura Penale
Giuseppe Lo Bianco giornalista
Lorenzo Matassa giornalista
Giuseppe Todaro presidente di Libero Futuro

In occasione della Giornata della Memoria e dell' Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, l'Ass. Contrariamente-RUM vuole assicurare agli studenti universitari e a tutta la cittadinanza un momento di riflessione su tutte le vittime di mafia. Vogliamo ricordare ciò che è accaduto e guardare a tutte quelle che sono state le risposte delle istituzioni e della società civile. Vogliamo, ancora, capire se una vittima è destinata a rimanere tale per sempre o se invece esiste una giustizia in grado di tutelarla efficacemente.

Ci sono imprenditori vessati dal peso del racket che non denunciano per paura, non vogliono morire anche loro, non vogliono essere costretti a cambiare identità, vogliono continuare a vivere sereni e tante volte denunciare significa esporre i propri affetti al pericolo; i loro timori, purtroppo, sono fondati ancora oggi: Perchè?
C'è chi scrive di mafia, a cosa va incontro?
Ci sono familiari delle vittime che da decenni aspettano risposte: chi ha portato via i loro cari? Perchè molti omicidi di mafia sono rimasti impuniti?
Quali sono stati i limiti della lotta alla mafia? Quali i successi?

Nella speranza che tutti questi interrogativi trovino risposta, l'Associazione vi ringrazia sin d'ora della vostra partecipazione.

L'evento facebook.com/events/636455569895863

Foto © Letizia Battaglia 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...

SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...


FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...

I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta