Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi ''Giù le mani dai bambini'' - Palermo, 7 Ottobre

Ci vediamo a...

''Giù le mani dai bambini'' - Palermo, 7 Ottobre

20161007 giu mani bambini 2Giornata piena di sentimenti e ricordi quella di venerdì 7 ottobre che si aprirà a Palermo con la commemorazione del piccolo Claudio Domino, ucciso il 7 ottobre del 1986 a soli 11 anni per avere visto confezionare alcune dosi di eroina in un magazzino.
"Giù le mani dai bambini" è il titolo della manifestazione che avrà inizio alle 10 in via Claudio Domino, aperta dalla testimonianza delle scuole e accompagnata dal violino di Giorgia Passannante.
Interverranno, portando la propria testimonianza: i coniugi Domino, che organizzano l’evento; il dott. Accordino, dirigente della Squadra Omicidi di Palermo; Roberto Dominici e Floriana Marino; Augusta e Vincenzo Agostino, genitori di Nino Agostino; Antonio Zangara, familiare di vittima innocente di mafia; i ragazzi delle scuole “Ignazio Florio”, “Borgese”, “Capuana”, “Monreale” e “Majorana”. Saranno letti i nomi di tutti i bambini vittime di mafia, compreso quella mai nata di Ida Castelluccio e Nino Agostino.
Dopo avere lasciato liberi in volo 108 palloncini, in ricordo di tutti i bambini vittime innocenti delle mafie, alle 12.30 Don Luigi Ciotti celebrerà la Santa Messa nella Chiesa San Vincenzo de Paoli, in via dei Quartieri. La manifestazione è organizzata con il patrocinio del Comune di Palermo, ma soprattutto in collaborazione con un nutrito cartello di associazioni, quali: Libera Nomi e Numeri contro le mafie, Agende Rosse, Coartega, Scorta Civica, Cittadinanza per la Magistratura, Associazione Nazionale Amici Attilio Manca, Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato, ENPA onlus sez. Partinico, Amici della Musica di Cefalù, Associazione Legali, Parenti vittime strage di Punta Raisi 23/12/1978, Associazione Nazionale Cittadini contro le Mafie e la Corruzione - SIAP Palermo, SE VUOI, Centro Internazionale delle Culture – UBUNTU.
Non è, però, finita qui perché Claudio Domino verrà ricordato anche nel pomeriggio a Cinisi, dove l'8 Ottobre del 1983 Salvatore Zangara fu ucciso nel corso di un agguato teso al capomafia del paese Procopio Di Maggio.
“Ricordati di ricordare" è il titolo dato a quest’altro importante appuntamento con la memoria.


Una manifestazione, organizzata dall'associazione “Totò Zangara” con il patrocinio dei Comuni di Cinisi e Terrasini, per tenere desta l'attenzione sul tema della lotta contro la mafia attraverso momenti di riflessione alternati con attività ludiche e ricreative.
20161007 Giu le mani dai bambini n1Si comincia alle 16 in piazza Vittorio Emanuele Orlando con l’introduzione musicale a cura di Music N’Bloom. Alle 16.30, i saluti delle autorità e gli interventi dei rappresentanti di entrambe le amministrazioni locali. Subito dopo saranno presentati i lavori delle scuole medie statali “G. Melin” di Cinisi, “Renato Guttuso” di Carini, l’Istituto comprensivo “Giovanni XXIII” di Terrasini; l’elementare “Laura Lanza” di Carini.
Alle 17.15 altro intervallo, nuovamente a cura di Music N’Bloom, quindi l’inizio del momento commemorativo con interventi di: Santi Palazzolo, imprenditore titolare dell’omonima pasticceria di Cinisi; Graziella e Antonio Domino, i genitori di Claudio Domino; Antonio Zangara, figlio di Salvatore Zangara; Giovanni Impastato, fratello di Peppino, che ricorderà l’episodio in cui Salvatore Zangara propose, da consigliere comunale, l'intitolazione di una strada a Peppino lmpastato. Chiuderà la manifestazione, i cui lavori saranno moderati dal giornalista Francesco Cicerone, Don Luigi Ciotti, presidente dell’associazione “Libera. Associazioni Nomi e Numeri contro le mafie”.
Durante la giornata sarà anche presentato un percorso della memoria a cura dell’associazione “Officina Rigenerazione” che, attraverso il linguaggio ludico, sperimenta una nuova forma di narrazione delle storie legate alle vittime innocenti di mafia.
A documentare l’evento sarà il contributo fotografico curato dall'associazione "Asadin". Tutta la manifestazione è sostenuta da Libera e coinvolge, anche qui, numerose associazioni: Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato, Gruppo Scout "Agesci" di Cinisi, Officina RIgenerazione; Asadin; GD Cinisi; LABnovecento45, il Gruppo Musicale "Music N’Bloom".
Parteciperanno e saranno vicine anche le stesse realtà che venerdì mattina ricorderanno il piccolo Claudio Domino.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa