Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi ''Le agende rosse non dimenticano'' - Grosseto, 8 Luglio

Ci vediamo a...

''Le agende rosse non dimenticano'' - Grosseto, 8 Luglio

agende rosse grossetoUn incontro alla Sala Friuli di Grosseto in ricordo della strage
Si avvicina un nuovo anniversario della strage di Via D'Amelio. Nonostante siano trascorsi ormai 24 anni da quella terribile domenica di metà luglio del 1992, la verità sul movente e sui mandanti della strage in cui persero la vita il Giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta (Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Fabio Li Muli, Emanuela Loi e Claudio Traina), non è ancora completamente emersa. Ci sono, come afferma il Magistrato Nino Di Matteo, "buchi neri". Il Gruppo Agostino Catalano – Maremma del Movimento delle Agende Rosse, che nasce con il preciso scopo di agire affinché sia fatta piena luce sulla strage, organizza un incontro venerdì 8 luglio alle ore 21 presso la Sala Friuli in Piazza San Francesco a Grosseto, per ricordare e riflettere.

La serata inizierà con una breve presentazione delle Agende Rosse a cura dei coordinatori del gruppo.

A seguire, verrà proiettato il filmato «La scorta» in cui l’attrice Annalisa Insardà interpreta un suo monologo dedicato a tutti gli agenti delle scorte che, sapendo di rischiare la propria vita, hanno consapevolmente voluto proteggere la parte migliore del nostro Paese.

Chiuderà la serata la proiezione di «19 luglio 1992 - una strage di stato», un film documentario di Salvatore Borsellino e Marco Canestrari in cui proprio Salvatore Borsellino racconta la vita di Paolo, suo fratello, dall'infanzia fino alla strage di Via D'Amelio. Il film è inoltre arricchito da numerose testimonianze e riflessioni, fra cui quelle di Nino Di Matteo, Gioacchino Genchi, Giuseppe Lo Bianco e Marco Travaglio.

L'ingresso è libero fino ad esaurimento posti.
È gradita la prenotazione chiamando al n. 347-3357818 o inviando una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'evento facebook.com/events/1749869578615353

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa