Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ci vediamo a...

Salvatore Borsellino a Cadelbosco di Sopra (RE) - 10 Giugno

borsellino sal c giuseppe piazzaSalvatore Borsellino sarà presente, il 10 giugno prossimo, dalle ore 20,45, a Cadelbosco di Sopra (RE). L’evento si terrà nella piazza del centro, P.zza XXV Aprile.

Salvatore Borsellino arriva in una Emilia oltraggiata dalla ’ndrangheta.Oggi lo sappiamo bene. Anche l’ultima persona, la più sprovveduta, oggi sa che in Emilia da tanti, tanti anni, è iniziata un’infiltrazione mafiosa capillare.
Si è costituito un radicamento mafioso che per estirparlo bisogna svegliarsi, il torpore è finito.
Osservazione, partecipazione, azione nei nostri luoghi di vita e di lavoro. E’ la frase chiave che ci viene immediata. Insieme alla rabbia si ha anche la netta convinzione che è morte se non ci si muove. La mafia e la 'ndrangheta sono devastanti. A Reggio lo sentiamo e forte.
Enrico Bini, ora sindaco di Castelnuovo Monti, da anni denuncia. Da presidente della Camera di Commercio, ha potuto osservare fenomeni abnormi e allarmanti. Li ha denunciati. Come risposta ha avuto isolamento.
L’arrivo, nel 2009, a Reggio Emilia del prefetto Antonella De Miro, è stato determinante. Come è determinante ora la presenza del nuovo prefetto Raffaele Ruberto.
La famosa frase “Siamo un tessuto sano, da noi la mafia non c’è!” ora è caduta in disuso.
A testimonianza, a Reggio Emilia, abbiamo, ora il Processo Aemilia, appena avviato, i cui imputati e indagati sono ‘ndranghetisti, imprenditori ecc……
Le amministrazioni dei  comuni spesso “han lasciato correre…” come si dice da noi. Non tutti i comuni. Ma molti, molti... Amministratori, persone che godevano della fiducia della gente ma mancanti di senso di responsabilità.
Salvatore Borsellino sulla strage del 19 luglio del ’92 ha impegnato tutte le sue forze, per trasformare il dolore immane dell’uccisione di Paolo in un vortice inarrestabile di ricerca di Verità. Il Movimento Agende Rosse nasce per questo. Una rete nazionale per riflettere, incontrarsi, agire nel segno della Verità e del risveglio delle coscienze. Le nostre. Tutte.
In Salvatore Borsellino c’è coincidenza e coerenza tra Essere e Verità.
E’ momento fondamentale e non è un caso: Salvatore Borsellino ed Enrico Bini insieme a Reggio Emilia, a Cadelbosco di Sopra.
Due uomini di Verità.
L’iniziativa prende il titolo stesso dello scorso anno.

“PAOLO BORSELLINO. TROVIAMOLO DENTRO DI NOI” è un’efficace richiamo a noi stessi/e perché è da qui che si parte. Paolo tramite Salvatore sarà con noi e in mezzo a noi. Proprio mentre si sta avvicinando il 19 luglio...

La dott.ssa Tania Tellini, sindaco, ci accoglierà a Cadelbosco di Sopra nel clima di rinnovamento e partecipazione che Ella, dall’inizio del suo mandato, ha instaurato.

Movimento Agende Rosse Rita Atria Reggio Emilia

Tratto da: 19luglio1992.com

Foto © Giuseppe Piazza