Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi La lunga lotta di Felicia Impastato in un film - 8 Luglio

Ci vediamo a...

La lunga lotta di Felicia Impastato in un film - 8 Luglio

20150708-ricordando-feliciaIl lungometraggio del regista napoletano Gregorio Mascolo “Felicia”, dedicato a Felicia Bartolotta, madre di Peppino Impastato, ha come sottotitolo uno slogan che è nato a Cinisi e che è poi diventato patrimonio di tutto il movimento antimafia: “La mafia uccide, il silenzio pure”.

Il film racconta la travagliata vita di Felicia, la sua adolescenza, le sue  mancate nozze, le sue nozze con Luigi Impastato, e quindi lo stretto contatto con i mafiosi frequentati dal marito. Significativa la presenza di alcuni boss, come Cesare Manzella, cognato di Luigi, Tano Badalamenti e Luciano Liggio. La vicenda rappresenta, in un certo senso, la continuazione del film di Marco Tullio Giordana “I Cento passi”. E proprio a I Cento Passi si ispirano alcune scene, quasi a rimarcare il segno indelebile lasciato da quel capolavoro. Infatti il film prende l’avvio dal momento  successivo all’omicidio di Peppino Impastato, quando iniziano le indagini dei carabinieri, che, in linea con le intenzioni dei mafiosi, provano, in un primo momento a giudicare il delitto come attentato terroristico e, in subordine, come suicidio; segue l’indagine alternativa fatta dai compagni di Peppino, la ricerca delle prove, la decisione della famiglia di costituirsi parte civile, le lunghe vicende processuali di apertura e chiusura delle indagini portate avanti dai giudici Signorino, Chinnici, Caponnetto, Falcone, De Francisci, Imbergamo. In mezzo, le minacce a Giovanni, fratello di Peppino, le sue vicende familiari, le paure, i momenti di gioia per i passi avanti delle indagini, le difficoltà di operare in un ambiente intriso di mafia, come Cinisi, la chiusura della radio, le manifestazioni e infine  la sentenza di condanna per Gaetano Badalamenti e per il suo vice Vito Palazzolo.

Il film è stato girato in economia, con telecamere semiprofessionali e con la partecipazione di una serie di “attori” locali alla loro prima esperienza sul set: si può dire che il regista Mascolo abbia fatto miracoli, riuscendo a dar vita a un soggetto,  che costituisce un esempio di “vittoria della legalità” in un  microcosmo, come quello mafioso, in cui, quasi sempre, vince il malaffare, gli assassini restano impuniti e la paura chiude le bocche anche ai più coraggiosi. Mascolo, che vive a Caivano, alcuni anni fa è andato a Cinisi e si è “innamorato” della storia di Peppino, girando alcuni cortometraggi dedicati in gran parte a Felicia e ai compagni  Questa volta si è cimentato con un lungometraggio e con le difficoltà relative sia al momento della produzione, ma soprattutto a quello della distribuzione, oggi  in mano a ristretti circuiti nei quali è difficile penetrare, gestiti da gruppi ai quali interessa solo “far cassetta”. Il film è stato girato nell’estate del 2010 e vuole essere un contributo per tenere alta la memoria di Felicia e di Peppino Impastato e l’impegno di lotta contro la mafia. In tal senso potrebbe essere un ottimo sussidio di educazione alla legalità nelle scuole. I luoghi sono in gran parte quelli nei quali si sono realmente svolte le  vicende raccontate. Le musiche sono composte ed eseguite da Antonio Mascolo, figlio di Gregorio. All’elaborazione della sceneggiatura ha lavorato, in un primo tempo, il compagno di Peppino Salvo Vitale, che ne ha scritto alcuni passaggi e ne ha ricostruito la struttura cronologica,  pubblicata recentemente nel suo “Cento passi ancora”. Il film è integrato con le riprese originali della visita fatta nel 2000 dalla Commissione Antimafia a Cinisi, per rendere omaggio a Felicia e consegnarle il lavoro d’inchiesta che aveva accertato l’originario depistaggio delle indagini; si chiude con un accorato appello di Felicia alle giovani generazioni,  perchè trovino la voglia di lottare per una società nuova e per portare avanti le idee di Peppino, la cui presenza aleggia costantemente intorno alla sua casa. Il film non ha avuto molta fortuna, nel senso che non è stato promosso dalla grande catena di distribuzione. A cinque anni di distanza e nell’imminenza di una fiction su Felicia, girata dalla RAI, Telejato ne propone la visione mercoledì 8.7 alle ore 17, attraverso il suo sito e sul canale digitale 273  con a seguito un dibattito con coloro che hanno vissuto questa esperienza.

Salvo Vitale

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa