Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi "Milano e la memoria 2014". Teatro, musica, narrazioni - 11 Luglio

Ci vediamo a...

"Milano e la memoria 2014". Teatro, musica, narrazioni - 11 Luglio

20140711-milano-e-la-memoria11 luglio 2014, ore 21, Piazza Affari (Milano) - Ingresso libero
"Milano e la memoria teatro, musica, narrazioni” (27 gennaio – 11 luglio 2014), è un progetto ideato e curato da daniele biacchessi e dall'associazione “arci ponti di memoria”
Con il contributo di Arci Milano, Fondazione Feltrinelli e Fondazione RCS.
Con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano.

La prima edizione di “Milano e la Memoria” si conclude l’11 luglio prossimo, non a caso, sul filo della memoria, nel giorno in cui cade l’Anniversario della morte di Giorgio Ambrosoli. Due piéces teatrali verranno messe in scena nella stessa serata allo scopo di commemorare quella giornata.

Lo spettacolo di Luca Maciacchini Giorgio Ambrosoli racconta la tragedia dell’avvocato milanese, che ricevette l’arduo compito di essere il commissario liquidatore della Banca Privata Italiana di Michele Sindona negli anni '70. Per la sua solerzia e incorruttibilità pagò con la vita il suo alto senso dello Stato e del dovere morale. Troppi interessi politici ed economici erano connessi con gli affari delle banche e così venne scritta una delle pagine più tristi e nello stesso tempo più rappresentative della storia d'Italia del dopoguerra. Lo spettacolo, scritto da Michela Marelli e Serenella Hugony Bonzano, con le musiche e le canzoni di Luca Maciacchini e la regia di Michela Marelli, ricostruisce la vicenda umana e professionale dell'avvocato milanese basandosi sulle testimonianze dirette dei familiari e sui testi fondamentali scritti sulla vicenda, tra cui ''Un eroe borghese'' di Corrado Stajano e ''Qualunque cosa succeda'' del figlio Umberto Ambrosoli. La formula è quella del ''Teatro - canzone'': Luca Maciacchini, attore e cantautore, narra la vicenda attraverso canzoni originali scritte per lo spettacolo.

Mafie in pentola Libera terra, il sapore di una sfida nasce dai viaggi di Andrea Guolo e Tiziana Di Masi nei terreni confiscati alle mafie, dove hanno raccolto interviste e documenti. Milioni di ettari di terreno tra Sicilia, Calabria, Campania, Puglia, hanno assistito a secoli di violenza, sfruttamento, illegalità, omicidi. Dalle grandi regioni del sud le mafie si sono estese fino al nord. Ora quelle stesse terre, liberate con lo strumento della confisca, offrono al mercato alcuni gioielli enogastronomici del nostro paese: dai vini alle conserve, dai mieli ai legumi, all’olio extravergine, alla pasta. I prodotti eccellenti che su queste terre nascono, all’interno di cooperative come la Placido Rizzotto, la Pio La Torre di San Giuseppe Jato di Palermo, la Terre di Puglia di Mesagne e Valle del Marro a Gioia Tauro, sono il simbolo più concreto della lotta alla mafia e del nostro riappropriarci di un bene comune, segni tangibili che la guerra alla cosche può essere vinta creando occasioni di lavoro nel pieno rispetto della legalità e della terra. Lo spettacolo racconta la storia di questa sfida che Libera Terra ha vinto e che continua a combattere ogni giorno. Tiziana e Andrea hanno composto un esemplare menù della legalità, dall’antipasto al dolce: storie di vino, olio, taralli, friselle, peperoncini, melanzane, pasta, mozzarelle, torrone, marmellate, limoncello, s’intrecciano in un crescendo di gusto e di emozione con le parole di chi quei prodotti li ha seminati, coltivati, riempiendo di sapore coscienze e stomaci.
 
“Quello in memoria di Giorgio Ambrosoli, è l'ultimo appuntamento di Milano e la memoria. Qualcosa di più di una rassegna o di un semplice festival. Si è trattato del primo esperimento di un progetto di tipo identitario di una città italiana” – dice Daniele Biacchessi ideatore del progetto.
“Nato dall'idea dell'associazione Arci Ponti di memoria, si è esteso a livello organizzativo al Comune di Milano, Arci Milano e ha ottenuto il sostegno di due importanti istituzioni culturali, Fondazione Rcs e Fondazione Feltrinelli. Una data, un anniversario, un luogo, uno spettacolo.
Questo è il segreto del successo di Milano e la memoria. Realizzare teatro e musica nei luoghi simbolici della città. Siamo partiti il 27 gennaio dalla stazione centrale con i set di Massimo Priviero e Settegrani. Poi il 22 marzo abbiamo raccontato con Antonio Scurati le cinque giornate di Milano. Il 24 aprile abbiamo riempito piazza Mercanti con Daniele Biacchessi, Gang e Gaetano Liguori. E il 9 maggio abbiamo ricordato Walter Tobagi con Manuel Ferreira e Alma Rosé.
Ora ci manca l'ultima tappa: il grande omaggio, il primo ufficiale, a Giorgio Ambrosoli, l'eroe borghese caduto l'11 luglio 1979 sotto i colpi della mafia politica. 35 anni dopo, in piazza Affari, nel luogo simbolo del potere finanziario”.

Con “Milano e la Memoria 2014”, Milano diventa la città dei narratori, il luogo in cui tutti i raccontatori di storie italiane si incrociano attraverso la forza delle parole.

Le date scelte nel calendario sono quelle simboliche: 27 gennaio (Giorno della Memoria), 22 marzo (Anniversario Cinque Giornate di Milano), 24 aprile (Verso il 25 aprile, Anniversario della Liberazione Italiana dal Nazi - Fascismo), 9 maggio (Giorno della Memoria delle Vittime del Terrorismo ), 11 luglio (Anniversario della Morte di Giorgio Ambrosoli). In coincidenza di ogni singolo evento Fondazione Giangiacomo Feltrinelli pubblica nella collana Memo un ebook  dedicato scaricabile gratuitamente dal proprio sito.

INFO: pontidimemoria.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa