Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ci vediamo a...

La Carovana antimafie riprende il suo viaggio per i diritti, la giustizia sociale, la legalità democratica

T-075097fda1ae82cdf2c489a66838bbec-500x472Partita da Roma stamattina, la Carovana Antimafie raggiunge oggi l'Abruzzo, dove le ferite aperte dal terremoto di 5 anni fa sono ancora tutte aperte. Farà tappa a Pescara e domani a Vasto per poi avviarsi verso il Molise e la Puglia. La prima parte del suo viaggio si concluderà il 15 giugno in Sicilia, da dove partì per la prima volta 20 anni fa. 

Nata infatti nel 1994, su iniziativa di Arci Sicilia, la Carovana compie 20 anni e terminerà simbolicamente il suo viaggio proprio sull'isola siciliana, per poi riprendere in autunno il cammino verso la Serbia, la Romania, la Francia e, nel 2015, Malta.

Il tema di questa edizione è quello della tratta degli esseri umani, ormai un core business dellacriminalità organizzata, che trova laute fonti di guadagno nello sfruttamento dei migranti. Ciascuna tappa sarà occasione per condividere idee, informazioni, approfondimenti sui temi affrontati, saldare le esigenze e le proposte dei territori con quelle elaborate nazionalmente, organizzare momenti pubblici di confronto, dare evidenza alle buone pratiche diffuse in tante parti della nostra penisola.

In questo percorso, la Carovana incontra il progetto internazionale Cartt (Campaign for Awareness Raising and Training to fight Trafficking), articolando il tema della tratta nei diversi aspetti di sfruttamento del lavoro: in Francia nel campo dell'edilizia, in Romania in quello minorile, a Malta nel settore turistico.  In Italia il tema sarà lo sfruttamento del lavoro domestico, di cui sono vittime soprattutto le badanti straniere, in mano di organizzazioni che operano nell'Europa dell'Est.

Si cercherà di mettere a fuoco le modalità con cui le mafie si impadroniscono di ampie porzioni del mercato del lavoro, approfittando di un contesto sociale profondamente lacerato dalla crisi economica. L'obiettivo è quello di utilizzare la conoscenza del fenomeno per dotarsi di strumenti in grado di contrastarlo, tentando di restituire libertà, diritti e dignità a chi è finito nella mani dei trafficanti di esseri umani.

In allegato, un press kit con una breve storia di Carovana, il perché della sua nascita, la locandina dell'edizione 2014, il calendario delle tappe, i dati sul fenomeno della tratta, con approfondimenti che riguardano il settore dell'agricoltura, quello del lavoro domestico e il fenomeno del caporalato. Nel testo della mail anche il link a un breve video che presenta Carovana. Chi è interessato a testimonianze di vittime di tratta può rivolgersi agli uffici stampa. In Italia la Carovana è organizzata da Arci, Libera, Avviso Pubblico con Cgil, Cisl e Uil e con la Ligue de l'Enseignement, organizzazione francese che si batte per una educazione pubblica e laica. Partener del progetto europeo Cartt sono Arci, Libera, Ligue de l'Enseignement, Parada (Romania) e Inizjmed (Malta). Il diario del viaggio, corredato di foto e video, sarà pubblicato sul sito www.carovanaantimafie.eu e sulla pagina fb carovana internazionale antimafie.

Info: libera.it

 
 (161.11 KB)Scarica la locandina della Carovana (161.11 KB)
 
 (41 KB)Le tappe della Carovana Antimafie 2014 (41 KB)
 
 (48 KB)I dati sulla tratta degli esseri umani (48 KB)
 
 (26 KB)La storia della Carovana Antimafie (26 KB)
 
 (29.5 KB)Perché la Carovana (29.5 KB)