Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi "Ripensare l'antimafia": ricercatori, istituzioni, politici a confronto - 4/5 Aprile

Ci vediamo a...

"Ripensare l'antimafia": ricercatori, istituzioni, politici a confronto - 4/5 Aprile

ripensare-lantimafiaLa riforma della legge sul voto di scambio politico - mafioso, la gestione dei beni confiscati, strategie più efficaci  nella lotta alla corruzione, nuovi modelli di comunicazione per la crescita di un’autentica cultura della legalità. Sono tanti i temi e i nodi cruciali che oggi investono la lotta alla mafia in Italia. E “Ripensare l’antimafia” è proprio il titolo della due giorni organizzata dal Dems, il Dipartimento degli Studi Europei e dell’Integrazione Internazionale, dell’Università degli Studi di Palermo.

Il 4 e il 5 Aprile rappresentanti del mondo dell’università e delle istituzioni, magistrati, politici, giornalisti, ospiti d’eccezione, si confronteranno  su come elaborare nuove contenuti per il contrasto alle mafia, dalla prevenzione alla comunicazione, dal sistema penale al ruolo dei partiti.

Interverranno, tra gli altri, il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, il Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti, ed il Presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi.

Si comincia venerdì mattina, dalle 9, nella Sala Magna di Palazzo Steri, con la prima sessione, dedicata al sistema penale, e coordinata dal Prof. Giovanni Fiandaca, direttore del Dems.

A seguire, poi, la presentazione della convenzione tra Università di Palermo, Università Cattolica, Procura Nazionale Antimafia e Commissione Parlamentare Antimafia.
Il sistema della prevenzione giurisdizionale sarà al centro della terza sessione, coordinata dal Prof. Costantino Visconti.

Nel pomeriggio, alle 15, la tavola rotonda sul sistema della prevenzione amministrativa, moderata dal professore Marco Mazzamuto.
Dalle 17, spazio alla politica. Nino Amadore, giornalista de Il Sole 24 ore, condurrà una tavola rotonda con Rosy Bindi, il vice ministro dell’Interno Filippo Bubbico, Raffaele Cantone - da poco nominato presidente dell’Autorità anticorruzione - il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti, il sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico, Simona Vicari. La tavola rotonda sarà conclusa dal ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Sabato 5 Aprile l’evento si sposta al Cinema Rouge et Noir di Piazza Verdi. Alle 9 e 30, ci sarà la proiezione del film “La mafia uccide solo d’estate”, del regista palermitano Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif. Lo stesso Pif, insieme a Pina Picierno (Pd) e Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia9 sarà intervistato dal giornalista di Mediaset Gaetano Savatteri dopo la proiezione.

Evento nell’evento sarà la presentazione, alle 12, dell’Associazione dei Magistrati Italiani delle Misure Patrimoniali (AMIMP), all’interno dell’osservatorio nazionale sulla confisca, l’amministrazione e la destinazione dei beni e delle aziende.

“Ripensare l’antimafia” sarà anche visibile in diretta streaming sul sito www.progettolegalita.it

Scarica la brochure

La mappatura aggiornata sulle mafie in Italia: una convenzione tra Università, DNA e Commissione parlamentare antimafia

Verrà presentata all’interno di “Ripensare l’Antimafia”, a Palermo

Avere una mappatura aggiornata delle forme di infiltrazione delle mafie nell’economia legale, potendo intervenire di conseguenza, con proposte mirate. E’ questo l’obiettivo  della convenzione tra Università di Palermo, Università Cattolica Sacro Cuore di Milano, Commissione parlamentare Antimafia, Procura Nazionale Antimafia, che verrà presentata venerdì 4 Aprile a Palazzo Steri a Palermo nell’ambito di “Ripensare l’antimafia”, la due giorni organizzata dal Dems, il Dipartimento degli Studi Europei e dell’Integrazione Internazionale, dell’Università degli Studi di Palermo.

Per la prima volta la Procura Nazionale Antimafia si impegna a rendere accessibili ai ricercatori e agli studiosi delle due Università alcune sue banche dati in materia soprattutto di misure interdittive antimafia, sequestri e confische, mentre la Commissione parlamentare antimafia, oltre a consentire l’accesso ai suoi archivi, sosterrà il percorso degli studiosi nell’elaborazione di nuove forme di contrasto alla criminalità organizzata di stampo mafioso.   

Alla presentazione della convenzione interverranno Franco Anelli, Rettore dell’Università Cattolica Sacro Cuore di Milano, Rosy Bindi, Presidente della Commissione parlamentare antimafia, il direttore del Dems Giovanni Fiandaca, Gabrio Forti, docente dell’Università Cattolica Sacro Cuore, Roberto Lagalla, Rettore dell’Università di Palermo, e il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti.

Nella stessa mattina di venerdì, ci saranno due sessioni di lavoro, su “Nuovi contenuti per le sfide del futuro”, la prima  dedicata al sistema penale, e coordinata dal Prof. Giovanni Fiandaca, direttore del Dems.  Il sistema della prevenzione giurisdizionale sarà al centro sessione  coordinata dal Prof. Costantino Visconti.

Venerdì, nel pomeriggio, alle 15, è prevista la tavola rotonda sul sistema della prevenzione amministrativa, moderata dal professore Marco Mazzamuto.
A seguire  Nino Amadore, giornalista de Il Sole 24 ore, condurrà una tavola rotonda con Rosy Bindi, il vice ministro dell’Interno Filippo Bubbico, Raffaele Cantone - da poco nominato presidente dell’Autorità anticorruzione - il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti, il sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico, Simona Vicari. La tavola rotonda sarà conclusa dal ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Sabato 5 Aprile l’evento si sposta al Cinema Rouge et Noir di Piazza Verdi. Alle 9 e 30, ci sarà la proiezione del film “La mafia uccide solo d’estate”, del regista palermitano Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif. Lo stesso Pif, insieme a Pina Picierno (Pd) e Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia) sarà intervistato dal giornalista di Mediaset Gaetano Savatteri dopo la proiezione.

Sabato alle 12 è prevista la la presentazione dell’Associazione dei Magistrati Italiani delle Misure Patrimoniali (AMIMP), all’interno dell’osservatorio nazionale sulla confisca, l’amministrazione e la destinazione dei beni e delle aziende.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa