Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi Scorta civica in corteo domani dal Palazzo di Giustizia alla Prefettura

Ci vediamo a...

Scorta civica in corteo domani dal Palazzo di Giustizia alla Prefettura

scorta civica c studio camera 6314Saranno consegnate al Prefetto le firme di una petizione
6 marzo 2014
Avrà inizio subito dopo il consueto turno della Scorta che ogni giorno, dalle 9 alle 11, vede decine di associazioni e movimenti del territorio in presidio simbolico davanti al Palazzo di Giustizia per manifestare solidarietà a Nino Di Matteo e al pool di magistrati che, per avere istruito e portato avanti il processo sulla scellerata trattativa mafia-Stato, corrono gravi pericoli per la loro stessa vita. 
Intorno alle 11.30, quindi, si partirà dal piazzale del Tribunale alla volta della Prefettura dove saranno consegnate al Prefetto, Francesca Cannizzo, le firme di una petizione che gli chiede di farsi carico di spingere il Ministro dell’Interno ad autorizzare immediatamente il bomb jammer per Di Matteo e la sua Scorta, onorando così la sua promessa oltre che il ruolo che ricopre.

“Noi non vogliamo più subire - si legge in un passo della petizione - e siamo determinati ad agire perché stavolta vogliamo prevenire una strage di cui sentiamo già l’odore nell’aria a Palermo. Stavolta nessuno, soprattutto dentro le istituzioni, avrebbe alibi dietro cui nascondersi per non aver messo in campo tutte le misure possibili per evitare altro sangue”.
La manifestazione di domani sarà funzionale anche ad annunciare quella in programma il 12 aprile a Roma, davanti al Ministero dell’Interno, “per esprimere la rabbia rispetto alle promesse non mantenute, per il silenzio delle Istituzioni, per i macigni posti sulla strada. Verità da chi appare volere garantire una scellerata congiura del silenzio durata per venti anni, piuttosto che accompagnare il nostro paese sulla difficile strada della Giustizia”.

Foto © Studio Camera

ARTICOLI CORRELATI

"Scorta civica" per i pm minacciati dalla mafia

Magistrati nel mirino di Cosa Nostra: scorta civica presente!

Scorta Civica incontra la Commissione nazionale Antimafia. Il 7 marzo una manifestazione e la consegna di una petizione

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa