Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi Serata Romana: Omaggio a Pier Paolo Pasolini - 2 Novembre

Ci vediamo a...

Serata Romana: Omaggio a Pier Paolo Pasolini - 2 Novembre

pasolini-web00Sabato 2 novembre2013 alle ore 21.30 presso il Teatro Bi.Pop Zaccaria Verucci - Zona Rischio Casal Bertone in Via di Pietralatella s.n.c. – Roma, il Collettivo Internoenki presenta un racconto corale sulla morte di Pier Paolo Pasolini (foto) attraverso il lavoro d’inchiesta svolto dalle giornaliste Simona Zecchi e Martina Di Matteo e pubblicato nella rivista di inchiesta politica e cultura “I Quaderni de L’Ora” (Editrice Ila Palma – Micromedia).

“Che cos’è il cancro” chiedeva a Furio Colombo la sera prima di morire orribilmente all’Idroscalo di Ostia, Pier Paolo Pasolini. E ancora: ”Sembriamo persone che non vedono la stessa scena, che non conoscono la stessa gente, che non ascoltano le stesse voci. Per voi una cosa accade quando è cronaca, bella, fatta, impaginata, tagliata e intitolata. Ma cosa c’è sotto?” Dov’è, dove si nasconde il fatto nudo e crudo che sporca le strade di ogni giorno, e spiega i mille rivoli della realtà? Era questa la domanda che assillava Pasolini e che lo divideva nelle sue polemiche dagli amici scrittori (che in strada a cercare la realtà secondo lui non scendevano) e dai colleghi della stampa. Parte idealmente da quella domanda l’involucro che racchiude lo spettacolo dedicato all’intellettuale del ‘900 che l’Italia ha perduto. A quasi 40 anni dalla morte e a più di tre dall’apertura dell’ultima inchiesta giudiziaria da parte della Procura di Roma, la domanda che accompagna nel tempo il lavoro di indagine e inchiesta di diversi giornalisti e alcuni intellettuali resta sempre la stessa: chi ha ucciso e perché Pier Paolo Pasolini. Come “chirurghi che hanno il coraggio di esaminare tutto il tessuto” ci si è addentrati nelle maglie di quegli anni e quella Roma attraverso il lavoro delle giornaliste Simona Zecchi e Martina di Matteo, autrici dell’ultima inchiesta sul caso. E con i “ferri” dello stesso Pasolini, poi, vale a dire i suoi scritti e i suoi lavori cinematografici; di più toccando con mano il senso per lui del teatro che aveva espresso ne “Il Manifesto per un nuovo teatro”; ascoltando le “voci” di chi con lui ha amato e collaborato (Laura Betti e Oriana Fallaci) e dalle quali non sempre è stato capito. Se vi aspettate uno spettacolo (direbbe Pasolini) allora sappiate che spettacolo non è, ma il teatro è lo strumento e la poesia a volte sorprende la scena e il racconto tutto: poesia dei versi e della scena. Una serata tra testimonianza tout court, reading, proiezioni e racconto, con punte volte anche al dibattito, sulla scia del dubbio che è forse l’insegnamento maggiore che lo scrittore ci ha lasciato: non accettare verità precostituite che il potere (quello stesso potere che con molte probabilità lo ha ucciso) cercava e ancora cerca di imporre alla vista altrui. Lasciarsi guidare dal dubbio, percorrere più strade con uno schema e un senso però precisi. Una serata omaggio all’arte, alla sete di verità e alla sperimentazione che hanno contraddistinto il lavoro di Pasolini con l’amore e la serietà verso il nostro Paese che anche lui guidavano. Amore che si è perso, troppo presi a raccontare altro.


Partecipano:
Gli attori del “Collettivo Internoenki”:
GIANNI D'ADDARIO FLAVIO DOMENICI URBANO LIONE MONICA MARIOTTI MICHELA RONCI DONATO PATERNOSTER
Supporto alla cura dei testi: Martina Di Matteo e Simona Zecchi
Intervento di Silvio Parrello, supertestimone del caso Pasolini
Progetto a cura di Terry Paternoster e Monica Mariotti
Partecipazione di: Martina Di Matteo e Simona Zecchi
Mostra fotografica a cura di Emma Albarello
Direzione: Terry Paternoster
Inchiesta delle autrici Zecchi-Di Matteo tratta da “I Quaderni de l’Ora”, edizioni Ila
Palma-Micromedia, Palermo
Video a cura di Diego Zerbini e Giuliano Capozzi
Aperitivo: 20.30 / Inizio Spettacolo: 21.30

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa