Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi "Vive per la memoria", mostra fotografica

Ci vediamo a...

"Vive per la memoria", mostra fotografica

napoletano-enza-webGli scatti di Serena Faraldo a chi è rimasto orfano di un affetto. Il progetto ha vinto il premio Giancarlo Siani
di Giuliana Calomino

"Vive per la memoria" donne contro la camorra Enza Napoletano. Il figlio fu ferito nella strage del rapido 904
Uno sparo e una manciata di secondi dopo è solo un altro nome scolpito nell'elenco delle vittime innocenti di camorra. La sfortuna di trovarsi al "momento sbagliato nel posto sbagliato", il destino piombato addosso a chi resta. Serena Faraldo, giovane fotografa, scopre i volti di chi è rimasto orfano di un affetto nella mostra "Vive nella memoria", curata da Mario La Porta e sostenuta dalla fondazione Pol. i. s, al Pan (sala foyer) fino al 12 novembre.

"Leggendo la storia di Gelsomina Verde, l'operaia brutalmente uccisa per una sua relazione con un camorrista - spiega la Faraldo - mi venne l'idea di raccontare le storie di chi subisce la criminalità. Le vittime innocenti di camorra sono spesso solo nomi di una lista, non si approfondiscono mai le singole storie, le vite di chi è rimasto". "Sopravvivimi se muoio" dunque, e ti racconterò tutto il dolore.

Le diciasette fotografie (50x75 in bianco e nero) ritraggono madri, sorelle, figlie e fidanzate nei luoghi dove sono stati ammazzati i loro cari, oppure in posti particolarmente amati dai defunti. "Ho scelto di parlare di donne - continua la fotografa - perché cercavo una piena immedesimazione". Il progetto, nato come tesi di laurea per l'Accademia di belle arti, ha vinto quest'anno il premio Giancarlo Siani: "Continuo a scattare perché non ritengo il lavoro ancora concluso. Ho sempre paura - conclude l'artista - di non riuscire a comunicare fino in fondo quello che mi viene raccontato. La rabbia, la sofferenza, l'angoscia di queste donne va trasmessa".

Tratto da: napoli.repubblica.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa