Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Eventi Cinelegalità "La mafia raccontata dai giovani" - dal 21 settembre al 11 ottobre

Ci vediamo a...

Cinelegalità "La mafia raccontata dai giovani" - dal 21 settembre al 11 ottobre

agende-rosseQuest'anno ricorre il ventennale delle stragi di Capaci e via D'Amelio in cui morirono i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e Paolo Borsellino con le rispettive scorte e il “Movimento delle Agende Rosse” di Salvatore Borsellino, in collaborazione con il comune di Cambiano, ha deciso organizzare un cineforum sulle mafie, coinvolgendo giovani delle regioni del sud.

Il Movimento delle Agende Rosse nasce in maniera spontanea da una serie di incontri tenuti in tutta Italia da Salvatore Borsellino, da Benny Calasanzio, da Sonia Alfano e dal Prof. Enzo Guidotto sulla difesa della legalità, la funzione della società civile, il ruolo della Magistratura, l'approfondimento delle tematiche relative alla criminalità mafiosa e alle sue infiltrazioni nella politica e nella pubblica amministrazione, la ricerca della verità e la richiesta di giustizia sulle stragi del '92 e del '93.

Il Movimento prende il nome dall'agenda rossa che aveva il giudice Paolo Borsellino nella sua valigetta al momento della strage di Via D'Amelio il 19 luglio 1992.
L’attentato ha lasciato ai posteri molti dubbi e perplessità, alimentando inevitabilmente molte teorie più o meno accreditate.
Uno degli aspetti più controversi riguarda la famosa agenda rossa di Paolo Borsellino nella quale registrava tutti i suoi appunti; su quell’agenda sarebbero state appuntate note di rilevante entità, alcune riguardanti la presunta trattativa fra stato e mafia.
Il libricino non verrà mai ritrovato dopo l’esplosione dell’auto in Via D’Amelio. Ci sono però dei fatti documentati che lasciano spazio a numerosi quesiti: il colonnello dei carabinieri Giovanni Arcangioli è stato fotografato (inconsapevolmente) mentre prelevava dal luogo dell’attentato quella che sembrerebbe essere la borsa di Paolo Borsellino, borsa che conteneva l’agenda rossa e che riapparirà poche ore sul sedile posteriore dei resti della macchina esplosa.


OBIETTIVO: Si vuole sensibilizzare la cittadinanza cambianese sul fenomeno mafioso nella sua completezza, analizzando l'influenza sul territorio nazionale delle tre principali organizzazioni mafiose: Cosa Nostra, 'Ndrangheta, Camorra.

PERIODO:
21 Settembre/ 11 ottobre. Un incontro alla settimana di giovedì (a parte il primo che si terrà venerdì) sera con la cittadinanza a partire dalle ore 20.30.


LUOGHI:
Biblioteca “F.lli Jacomuzzi”, “La Gracchia” di Madonna della Scala, Teatro Comunale, Società Operaia.


PARTECIPANTI:
Per valorizzare l'obiettivo si è pensato di invitare giovani delle regioni maggiormente colpite da tali sodalizi criminali; giovani che per educazione familiare e cultura scolastica hanno deciso di impegnarsi nelle associazioni culturali, nel giornalismo e, più in generale, in una pluralità di attività sociali nelle loro terre al fine di stimolare e creare un clima di legalità, coesione sociale e distribuzione equa delle risorse economiche in un contesto dove i diritti costituzionalmente garantiti vengono sistematicamente calpestati; i sogni, le speranze di migliaia di giovani vengono risucchiati nel vortice della violenza, della corruzione, dell'intimidazione criminale e, quindi, dell'omertà. Dunque, si vuole arricchire l'evento di esperienze dirette, vissute in prima persona.

Ogni giovane presenterà un film e animerà successivamente una breve discussione facendo conoscere l'impatto della mafia sulla sua vita quotidiana e quella dei suoi concittadini, integrandola con slides, fotografie, documenti.

Il progetto è già stato presentato alla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Palermo, che lo ha approvato nelle sue linee essenziali.
Le linee-guida della trattazione dell'argomento sono le seguenti:

1. RAPPORTI MAFIA/ECONOMIA
2. RAPPORTI MAFIA/POLITICA
3. RAPPORTI MAFIA/CULTURA


CALENDARIO EVENTI:
21/09/2012

Evento di apertura presso il Teatro Comunale di Cambiano ore 21, 00.

Visione di “19 luglio 1992 – Una strage di Stato” (un documentario di Marco Canestrari e Salvatore Borsellino) e a seguire dibattito sulle stragi del '92 – '93, a cui sarà presente il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia (Ingresso libero).

La serata viene intesa come forma di pubblicità del cineforum e nello stesso tempo come occasione per fare beneficenza, diretta all’acquisto di libri e DVD sulle mafie e sull'amministrazione della giustizia per la Biblioteca “F.lli Jacomuzzi” e per le scuole cambianesi.


27/09/2012 ore 20.30
Presentazione di I CENTO PASSI (un film di Marco Tullio Giordana)

Interviene Pamela Giacomarro, 30enne, giornalista presso “Il giornale di Sicilia”.

Oggetto dell'incontro: La lotta alla mafia tra cultura e musica.



04/10/2012 ore 20.30
Presentazione di CENTO GIORNI A PALERMO (un film di Giuseppe Ferrara). 

Intervengono: Paolo La Scala, 24enne, palermitano, studente presso la facoltà di Storia di Torino. Membro dell'associazione “Resistenza Antimafia”.
Nicholas Leuci, 24enne, cambianese, studente presso la facoltà di Giurisprudenza di Torino. Membro del “Movimento Agende Rosse”.

Oggetto dell'incontro: La reazione dello Stato: leggi, processi e movimenti antimafia.



11/10/2012 ore 20.30
Presentazione di FORTAPÀSC (un film di Marco Risi). 

Intervengono Eliana Iuorio, 34enne avvocato, e Serena Simonetta Lamberti, 29enne, vittima di camorra, Napoli.

Oggetto dell'incontro: "L'importanza della giusta e corretta informazione, contro le mafie, alla ricerca della verità".

Info: https://www.facebook.com/events/155340041256921/

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa