Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Dibattiti ''Codice d'onore, apologia di una leggenda mafiosa'' - 16 Maggio

Ci vediamo a...

''Codice d'onore, apologia di una leggenda mafiosa'' - 16 Maggio

20150516-codice-donoreSabato 16 maggio 2015, alle ore 17:00, presso l'Istituto comprensivo Biagio Siciliano di Capaci (Palermo), l'organizzazione ''Liberi Tutti No Profit'' presenta l'evento ''Codice d'onore - Apologia di una leggenda mafiosa''.

Interverranno:

Giovanna Genco, presidente dell'Istituto comprensivo Biagio Siciliano di Capaci

Alessandra Dino, professoressa associata di sociologia giuridica dell'Università di Palermo

Salvatore Cusimano, giornalista, direttore della sede siciliana della Rai

Nadia Furnari, Associazione Antimafie ''Rita Atria''

Michela Buscemi, testimone di giustizia

Una volta si narrava che la Mafia avesse un “codice d'onore”, non uccideva: le donne, i bambini e gli uomini di chiesa, si diceva anche che avesse rispetto per la “famiglia”.
Trascorrono anni, decenni, quasi un secolo e questa leggenda viene tramandata oralmente dai nonni ai nipoti, sino quasi ad arrivare ai giorni nostri, ma un bel giorno esplode una bomba, è il 1985, lì a Pizzolungo muoiono una mamma ed i suoi due gemellini: Barbara Rizzo ed i piccoli Giuseppe e Salvatore Asta. I giornali ci restituiscono tutto l'orrore del modus operandi di una mafia nuova.
Bisogna salvare la leggenda, allora si inizia a dire che non c'è continuità che tutto è cambiato, che i mafiosi di oggi non sono quelli di ieri, che non hanno la stessa indole, la stessa crudeltà, lo stesso sangue, la stessa discendenza.
E' difficile sradicare pregiudizi e false leggende, le nostre ataviche credenze, è più facile illudersi che c'è stato un tempo in cui tutti erano buoni, in cui il più forte difendeva disinteressatamente il più debole, in cui chi aveva un carisma lo spendeva per intermediare tra due litiganti, al fine di ristabilire la pace ed il senso di giustizia.
Non è così, MAI è stato così, i mafiosi buoni erano solo falsi profeti di un mondo immaginario, la realtà è stata sempre un'altra, dal 27 dicembre del 1896, quando venne assassinata una ragazza per mano mafiosa, Emanuela Sansone, aveva solo 17 anni.
Il 16 maggio, partendo da quel fatidico giorno, riscriveremo la storia della mafia e del suo “codice d'onore”, ricordando alcune delle sue vittime: donne, bambini, sacerdoti, sacrificati sull'altare del silenzio da mano mafiosa, quella stessa mafia buona di cui ci parlavano i nostri nonni.

L'evento facebook: facebook.com/events/495521723929353

Fonte: liberituttinoprofit.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa