Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Dibattiti Conferenza ''Le Vittime di Stato'' - 22 Aprile

Ci vediamo a...

Conferenza ''Le Vittime di Stato'' - 22 Aprile

20150422-conferenza-vittime-stato“Non mi uccise la morte, ma due guardie bigotte” F. de André
La conferenza sulle Vittime di Stato, che avrà luogo il giorno 22 aprile 2015 alle ore 16:00 nell’aula verde del Polo didattico Pantaleoni dell'Università degli studi di Macerata, coglierà una delle tematiche più discusse e controverse dei dibattiti attuali per la delicatezza della questione e per l'interesse che ha colpito soprattutto gli studenti universitari negli ultimi anni.
L’incontro verterà principalmente sulla storia di Stefano Cucchi, caso di cronaca nera italiana, deceduto il 22 ottobre 2009 durante la custodia cautelare, dando origine a un celebre caso di situazione giudiziaria che ha coinvolto alcuni agenti di polizia penitenziaria e alcuni medici del carcere di Regina Coeli.

La RUN Macerata ha quindi pensato di invitare la sorella della vittima, Ilaria Cucchi, per cercare di trovare delle risposte riguardo all’accaduto, risposte che spesso l’opinione pubblica italiana non è riuscito a percepire.
Ilaria Cucchi, 38 anni, madre di 2 figli, è un’amministratrice di condomini. Vive a Roma. Di Roma è tutta la sua famiglia.
Suo fratello è diventato "famoso" perché morto tra sofferenze disumane quando era in mano dello Stato. “Sono alta un metro e sessanta centimetri, come Stefano, e peso 48 chili, come mio fratello Stefano. Non sono malata ma in ottima forma fisica e sono viva. Non mi hanno picchiato, non mi hanno pestato, non mi hanno rotto a calci la schiena, non ho avuto per questo bisogno di cure mediche. Non mi hanno torturato. Sono viva. Sono viva e combatto con una giustizia che non conoscevo, ostile, esosa, cieca, spietata, assassina”.
Sarà presente anche il suo avvocato, il dottor Fabio Anselmo, per spiegare il percorso giudiziario che tutta la famiglia Cucchi, e non solo, sta affrontando. Importante capire se veramente suo fratello può essere considerato una vittima di Stato.
Interverrà infine la professoressa dell’Università degli studi di Macerata, Lina Caraceni, per approfondire tali questioni alla luce del diritto penitenziario, con l’obiettivo di fornire agli studenti le conoscenze base di tale diritto, cercando di organizzare ed esporre una dissertazione orale sui temi oggetto di approfondimento.

Tratto da: heyevent.com

L'evento facebook: facebook.com/events/673515679419654

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa