Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Dibattiti Bergamo non lascia soli i magistrati minacciati dalle mafie - 20, 26 Marzo e 3 Aprile

Ci vediamo a...

Bergamo non lascia soli i magistrati minacciati dalle mafie - 20, 26 Marzo e 3 Aprile

toghe-giudici-160114Perché “si muore generalmente perché si è soli o perché si è entrati in un gioco troppo grande.” (G. Falcone). Ecco l’importanza che anche i cittadini di Bergamo si affianchino ai cittadini che in tante città d’Italia animano le manifestazioni, i presìdi, le scorte civiche che fanno eco alla scorta civica di Palermo con cittadini  presenti ogni mattina davanti al Palazzo di Giustizia, ed ecco perché il Movimento Agende Rosse di Salvatore Borsellino, in collaborazione con il collettivo Bee3 e la Tavola della Pace Valle Brembana hanno esposto su un edificio in piazza Cavour lo striscione “Bergamo non lascia soli i Magistrati minacciati dalle mafie” e proporranno  incontri di informazione e sensibilizzazione.

Scrivono i giudici della Corte d’Assise di Firenze, i quali nel marzo 2012 hanno depositato le motivazioni della condanna all’ergastolo di Francesco Tagliavia per le stragi del ’93 a Firenze, Roma e Milano, che lo Stato avviò una trattativa con Cosa nostra, una trattativa che “indubbiamente ci fu e venne quantomeno inizialmente impostata su un do ut des” per interrompere la strategia stragista di Cosa nostra. E  “l’iniziativa - scrivono - fu assunta da rappresentanti dello Stato e non dagli uomini di mafia.”

Ancora oggi ci sono Uomini giusti a Palermo, che cercano la verità su quella stagione, quella della trattativa Stato-mafia, nella quale altri Uomini giusti sono stati uccisi per quella stessa ricerca di verità.

La storia si sta ripetendo, scandita da un passato che non vuole passare, da un indicibile che deve rimanere tale: da due anni un crescendo di pesanti minacce e di notizie - provenienti da più fonti - di attentati in preparazione ai danni del dottor Nino Di Matteo e degli altri magistrati del pool trattativa Stato-mafia di Palermo Francesco Del Bene, Roberto Tartaglia e Vittorio Teresi e del dottor Roberto Scarpinato; recentemente le esternazioni di Totò Riina, capo di Cosa nostra - messaggi lanciati a chi di dovere perché esegua i suoi ordini di morte per Nino Di Matteo - e, proprio pochi giorni fa, la lettera indirizzata a Riina dalla cosiddetta “Falange Armata”, sigla che evoca passate
rivendicazioni di stragi e sulla quale sappiamo che Nino Di Matteo e la Procura di Palermo stanno indagando.

Contro di loro anche la congiura del silenzio da parte dei media  e delle istituzioni, che a volte pongono in essere veri e propri ostacoli al loro lavoro, e contro di loro i poteri osceni: Stato deviato, servizi segreti, massoneria, criminalità finanziaria, tutti coalizzati nell’utilizzare l’ala militare di Cosa nostra per eseguire le loro condanne a morte che vengono così coperte da motivazioni prettamente mafiose.
E sono invano trascorsi più di tre mesi da quel 3 dicembre 2013 quando il ministro Angelino Alfano,  sollecitato sia dai cittadini che dai parlamentari, prometteva tutti i provvedimenti per la massima sicurezza del dottor Di Matteo, compreso il bomb jammer. Questa volta nessuno, soprattutto all’interno delle istituzioni, avrebbe alibi dietro cui nascondersi per non aver messo in campo tutte le misure possibili per evitare che nuovo sangue bagni l’asfalto di Palermo.

bergamo-magistrati-mafie-marzo-aprile-defNoi cittadini non vogliamo più piangere altri eroi morti “semplicemente” per aver compiuto il loro dovere e che lo Stato non ha saputo e voluto proteggere. Non è più il tempo di esitare, è il tempo di parteggiare, per affiancare i nostri Magistrati vivi, perché possano continuare il lavoro che stanno svolgendo con dignità ed onore dopo aver giurato sulla Costituzione del nostro Paese.

Noi cittadini siamo chiamati ad agire per prevenire una strage di cui sentiamo già l’odore nell’aria di Palermo. Perché vogliamo difendere il diritto alla vita non solo di quei Magistrati, Testimoni e Agenti delle scorte che sono in prima linea per fare luce sulle nefandezze del sistema Stato-mafia ma anche difendere il diritto di tutti noi a vivere in un Paese finalmente libero da ricatti incrociati che lo rendono una democrazia finta.

Lo dobbiamo ai nostri morti, che hanno vissuto spendendosi per donarci un Paese libero dal puzzo del compromesso mafioso, e lo dobbiamo ai nostri figli, che devono poter assaporare l’ebbrezza di respirare il fresco profumo di libertà cui aspirava Paolo Borsellino.

Ma soprattutto lo dobbiamo a noi stessi perché siamo vivi e, per questo, non permetteremo altri morti.


“Parlate di mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene.” Raccogliamo l’esortazione di Paolo Borsellino proponendo tre incontri:


GIOVEDI’ 20 Marzo: SERATA INFORMATIVA SULLA TRATTATIVA STATO-MAFIA     
Ore 20.45
Toolbox: Via Pignolo, 42 - Bergamo
Incontro a cura di Associazione ARTICOLO54  


MERCOLEDI’ 26 Marzo: E’ QUESTO IL TEMPO DELLA VERITA’

Ore 18.00
Toolbox: Via Pignolo, 42 - Bergamo

Incontro con il maresciallo dei CC SAVERIO MASI, caposcorta del PM Nino Di Matteo impegnato nel processo trattativa Stato-mafia e con il giornalista AARON PETTINARI di AntimafiaDuemila


MERCOLEDI’ 3 Aprile: SOLIDARIETÀ AI MAGISTRATI DEL POOL TRATTATIVA STATO-MAFIA
Ore 18.00
Presidio con fiaccolata in solidarietà ai Magistrati del Pool Trattativa Stato-mafia di Palermo
L’incontro si terrà a Bergamo in Piazza Cavour (vicino al Teatro Donizetti).


VI ASPETTIAMO!

Il MOVIMENTO AGENDE ROSSE di Salvatore BORSELLINO, il Collettivo BEE3, la TAVOLA della PACE Valle BREMBANA.

Informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa