Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Dibattiti Forum Nazionale Contro la Mafia, VIII° Edizione - dal 23 al 25 ottobre

Ci vediamo a...

Forum Nazionale Contro la Mafia, VIII° Edizione - dal 23 al 25 ottobre

forum-naz-contro-mafia-12-webIl Programma

Tutte le assemblee plenarie si terranno al Polo di Novoli, nell’edificio D6

Martedì 23 Ottobre

Ore 15 Le stragi e i traffici di armi e rifiuti

5 novembre 1992 – Firenze, Giardino di Boboli. Un sacchetto di plastica da immondizia contenente un proiettile di artiglieria viene fatto rinvenire ai piedi della statua del magistrato romano Marcus Cautius; a posizionarlo, secondo quanto appurato nei processi fiorentini sulle stragi del 1993, furono alcuni boss di Cosa Nostra provenienti da Catania.
14 maggio 1993 – Roma, via Fauro. Fallisce un attentato nei confronti di Maurizio Costanzo.
15 maggio 1993 – Roma, Ministero della Giustizia. Circa 150 mafiosi sottoposti a 41-bis vengono passati a carcere ordinario.
27 maggio 1993 – Firenze, via dei Georgofili: un’autobomba con quasi duecento chili di tritolo distrugge il centro storico fiorentino; muoiono 5 persone ed una quarantina rimangono gravemente ferite. A posizionare l’autobomba furono Spatuzza e i corleonesi del quartiere Brancaccio di Palermo controllato dalla famiglia Graviano.
L’episodio del proiettile di Boboli, a pochi mesi dalle stragi di Capaci e Via d’Amelio, costituisce un inquietante messaggio rivolto alla magistratura?
Un fatto centrale della trattativa Stato-mafia?
C’era qualcosa sul piatto della bilancia che non fosse soltanto il papello di Riina sul 41-bis e gli altri 11 punti?
A pochi mesi dall’arresto del capo-mafia di Barcellona Pozzo di Gotto Rosario Cattafi, a lungo indagato per traffico di armi, un incontro per fare luce sulle vicende dei traffici di armi e rifiuti e il legame di queste con le stragi dei primi anni Novanta.

Ne parliamo con
:
Luigi Grimaldi, Giornalista e Scrittore

Luciano Scalettari, Giornalista e Scrittore

Fabio Repici, Avvocato Penalista

Giovanna Maggiani Chelli, Associazione tra i Familiari della Strage di Via de’ Georgofili


Mercoledì 24 Ottobre

Ore 09.30  Grandi Opere Inutili

La corruzione nel campo dei grandi opere pubbliche non è da considerarsi presente solo nelle aree a tradizionale presenza mafiosa, ma è anzi un’epidemia che dilaga ormai nell’intero paese.
La presenza mafiosa negli appalti pubblici è frutto della duratura relazione fra mafia e politica, il prezzo che quest’ultima paga per i favori ottenuti, una contropartita che va dalla monopolizzazione dei lavori di subappalto, all’imposizione delle forniture, alla “segnalazione” di persone di fiducia da assumere.
La partecipazione delle imprese mafiose nelle gare d’appalto non è sempre diretta, ma spesso assumono il ruolo di subappaltatori, dato che l’intero ciclo dell’appalto è fortemente connesso alle decisioni di politici, pubblici ufficiali, burocrati dello Stato nei confronti dei quali i gruppi criminali esercitano un pericoloso misto di corruzione e intimidazioni che costituiscono l’ormai infelice arte persuasoria mafiosa.
L’interesse dei gruppi malavitosi per gli appalti non deriva solo della dimensione economica dei lavori e dal bisogno di “riciclare denaro nero” ma anche dal desiderio di rafforzare il controllo sulla rete di relazioni sociali locali.
Un esempio quantomai attuale del sistema descritto è la perversa catena di appalti e subappalti che ha permesso di costruire e permetterà di ingrandire la grande opera della TAV.
Non possiamo infatti non vedere come si adatti perfettamente al profilo già descritto: il committente pubblico affida la progettazione,la gestione e la costruzione ad una società di diritto privato, ma con capitale pubblico gestito secondo il pericoloso metodo del project financing lasciando libero spazio alle infiltrazioni criminali alle quali viene dato in subappalto ogni aspetto dell’opera secondo un sistema che prima consegna i soldi alle imprese e poi chiede ai cittadini di pagare anche gli eventuali debiti lasciati da questi.
Questo è appunto l’aspetto che rende il campo delle grandi opere un profitto sicuro, cioè che dai mafiosi ai controllori pubblici alla grande impresa tutti hanno un guadagno assicurato dalla partecipazione a questo gioco, dove alla fine dei conti la somma è per loro sempre positiva.
Lo stesso non si può dire per i contribuenti, che si ritrovano a dover usufruire di strutture spesso scadenti o a non poterle usare perché mai concluse e a pagare un costo superiore a quello inizialmente pianificato. Una politica per le infrastrutture fallimentare, che arriva perfino a tagliare sui costi della sicurezza in nome di un non ben precisato “progresso”, con conseguenze tragiche come dimostrato dalla strage di Viareggio di 3 anni fa.

Ne parliamo con:

Ferdinando Imposimato, Presidente Onorario della Suprema Corte di Cassazione

Ivan Cicconi, Ingegnere ed Esperto di Appalti Pubblici

Tiziano Cardosi, Comitato No Tunnel Tav di Firenze

Riccardo Antonini, Assemblea 29 Giugno

Mario Venditti, Sostituto Procuratore di Milano


Ore 17 (Facoltà di Lettere e Filosofia, Piazza Brunelleschi)  Reading NOTTURNO 2 con WU MING 2 + Aperitivo della Cooperativa Lavoro e Non Solo con prodotti delle terre confiscate



Giovedì 25 Ottobre

Ore 10.30  A vent’anni dalle stragi

“Una trattativa indubbiamente ci fu e venne, quantomeno inizialmente, impostata su un do ut des” e “l’iniziativa fu assunta da rappresentanti delle istituzioni e non dagli uomini di mafia“. Così recita la recente sentenza di condanna in primo grado del boss Francesco Tagliavia, processato a Firenze per le stragi del 1993.

A venti anni dalle stragi di Capaci e Via d’Amelio e in vista del ventesimo anniversario della strage di via dei Georgofili, in un periodo estremamente delicato caratterizzato dall’avvicinarsi del processo palermitano sulla trattativa Stato-mafia (29 ottobre prossimo), torniamo a riflettere sui fatti che hanno sconvolto l’Italia dei primi anni Novanta.
Lo facciamo perché sicuri che non siano state solo stragi di mafia, e con la convinzione che un processo volto a chiarire le responsabilità esterne a Cosa Nostra sia necessario per arrivare alla verità completa, anche qualora questa dovesse risultare estremamente scomoda.

Ne parliamo con:

Antonio Ingroia, Procuratore Aggiunto di Palermo

Salvatore Borsellino, Movimento Agende Rosse

Giovanna Maggiani Chelli, Associazione tra i Familiari della Strage di Via de’ Georgofili

Danilo Ammannato, Avvocato Penalista


Ore 15  Ai confini della mafia

Spesso facciamo presto a dire ”mafia”. In origine per “mafia” si intendeva Cosa Nostra, quell’organizzazione di potere – non solo criminale – radicata in Sicilia ma con interessi internazionali, con tante adesioni all’esterno ma un’architettura e un’organizzazione rigidissime e quasi impenetrabili, dalle caratteristiche emblematiche ma talvolta sensibilmente diverse dalle altre “mafie”, come la ‘Ndrangheta, la Camorra, la Sacra Corona Unita. Ci chiederemo in questa plenaria, però, se facciamo anche l’errore opposto: si fa tardi a dire ”mafia”? Prima di tutto perché la mafia EVOLVE, e se non fosse in grado di mutare al passo con i tempi avrebbe già trovato tempo or sono la sua fine. I tempi sono cambiati molto più velocemente dello stereotipo: LA MAFIA NON È PIÙ COPPOLA E LUPARA. Ha subìto in tutti questi anni una trasformazione dettata dall’evoluzione del sistema, che a poco a poco si confacesse agli scopi di accumulo di potere, danaro, “prestigio” e consensi tra la popolazione. Le cerchie mafiose sono sempre più ampie e meno chiuse, sempre più giovani brillanti, professionisti capaci e perfino “servitori dello Stato”, per facili vantaggi o addirittura per quieto vivere, si piegano alle volontà criminali. Senza queste solide referenze, competenze, infiltrazioni nel tessuto sociale la mafia non potrebbe sopravvivere. Esistono inoltre delle organizzazioni di potere che non condividono tutte le caratteristiche di una “mafia”, ma certamente sonomolto simili in molti aspetti: organizzazione, finalità, impatto sociale, “culturale”, influenza su colletti bianchi e politica, etc. Ci chiederemo se è possibile – e oltre che grado di similitudine - chiamare “mafie” queste altre organizzazioni; ci chiederemo quanto un’associazione a delinquere si avvicini allo stampo mafioso.

Ne parliamo con:

Rocco Sciarrone, Professore di Sociologia, Università di Torino

Ganluigi Nuzzi, Giornalista e Scrittore

Sebastiano Cannetta, Giornalista e Scrittore

Ernesto Milanesi, Giornalista e Scrittore


Ore 21.30  CONCERTO LIVE DI TALCO + IVANOSKA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa