Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Dibattiti Nati il 19 luglio. A vent’anni dalle stragi - 17/18/19 luglio

Ci vediamo a...

Nati il 19 luglio. A vent’anni dalle stragi - 17/18/19 luglio

Canicattini17.07.2012Si terrà a Canicattini Bagni (SR) dal 17 al 19 luglio l’evento “Nati il 19 luglio. A vent’anni dalle stragi”. Tre giorni per ricordare, conoscere, trasmettere la memoria delle vittime delle stragi del ‘92, con particolare riferimento alla figura di Paolo Borsellino, per ripercorrere uno dei momenti più drammatici della nostra Repubblica.

Tre giorni per ricordare anche quelle vittime di mafia forse meno celebri, tutte egualmente importanti. Su Canicattini il coordinamento provinciale di Libera Siracusa, promotore dell’iniziativa, ha voluto concentrare le sue energie per una manifestazione di ampio respiro, grazie al patrocinio del Comune di Canicattini e al ruolo attivo delle associazioni: Pro Loco, Pensiero Canicattinese, Physis, Agesci, Azione Cattolica e della polisportiva Canicattini calcio ma anche alla collaborazione della Cgil, dell'associazione culturale Loris&Lucilla, della neonata 35 mm e della compagnia teatrale "Il Sipario". Infatti, il programma offerto è ricco e spazia dalle proiezioni ai dibattiti, dalle attività per i bambini alle rappresentazioni teatrali.

17 LUGLIO- Si comincia il 17 alle ore 21:00 con il cineforum e la proiezione del film “La siciliana ribelle” (2008, regia di M. Amenta). Seguirà il dibattito “Le voci del ’92: testimoni e testimonianze” durante il quale verrà presentato il libro "Vent'anni" in memoria delle stragi palermitane del '92, a cura di Daniela Gambino ed Ettore Zanca, Coppola Editore. Interverranno: Santo Laganà, presidente dell’associazione antimafia Rita Atria, Salvatore Coppola editore del volume e Natya Migliori, sua co-autrice e giornalista free lance.

18LUGLIO- Il cineforum continua il 18 luglio alle 21:00 con la proiezione del film “Tano da morire” (1997, regia di R. Torre). Seguirà il dibattito dal titolo: “Mafia e antimafia: dentro e fuori il film”. Interverranno: Roberta Torre, regista del film, e la Dott. ssa Simona Ragazzi, magistrato del Tribunale di Catania.

19 LUGLIO- La giornata conclusiva è anche la giornata clou di tutto l’evento. Le attività avranno inizio alle 18:00 in piazza XX settembre, con i giochi per bambini incentrati sui nomi degli agenti di scorta vittime dei due attentati e su quello della giovane testimone di giustizia Rita Atria, il tutto a cura dell’Agesci e dell’Azione Cattolica. Contemporaneamente si svolgerà il torneo di mini calcetto e volley intitolato a Falcone e Borsellino, in collaborazione con la polisportiva dilettantistica “Canicattini Calcio”, in cui ciascuna squadra che si avvicenderà nel gioco prenderà il nome di una vittima di mafia. Alle 19.30 ci sarà il Teatro dei burattini per trasmettere anche ai più piccoli la storia dell’impegno di Falcone e Borsellino, a cura di Loris e Lucilla. Alle 20.30, dopo la premiazione dei giochi e dei tornei, seguirà la performance musicale dei Wild Honey in concerto, quindi la presentazione del fumetto “Non è tutto finito” sul giudice Antonio Caponnetto. A chiusura della serata, alle ore 22:00 in piazza XX settembre ci sarà la rappresentazione dello spettacolo teatrale “Paolo Borsellino Essendo Stato” grazie alla gentile concessione dell’autore Ruggero Cappuccio.

“Il titolo che abbiamo scelto per la nostra iniziativa, parafrasando il titolo di un libro di Rita Borsellino, Nata il 19 luglio- dicono gli organizzatori- ci è sembrato il più adatto a restituire il senso della nostra manifestazione: il 19 luglio è una data che dobbiamo portare e ri-portare costantemente nel cuore, non solo per il suo strascico di morte, ma anche e soprattutto per quel boato che è un richiamo ad agire, a continuare ad essere portatori e promotori dei valori della legalità della giustizia, e soprattutto della verità”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa