Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ci vediamo a...

Il Laboratorio Zen Insieme di via Girandengo riapre le porte dopo due anni di chiusura

13luglio-zen2festaVenerdì 13 luglio 2012 festa di autofinanziamento alle ore 19 allo Zen 2
Dopo due anni di forzata inattività Laboratorio Zen Insieme riapre le porte. L’associazione dal 1988 opera allo Zen 2 svolgendo attività di volontariato a sostegno di bambini, ragazzi, donne e interi nuclei familiari del quartiere.

Venerdì 13 luglio 2012 alle 19 si svolgerà la festa-aperitivo di autofinanziamento, presso il Centro Sociale G. Vitale, in via Girardengo 18/20, che sarà di fatto l’occasione per riaprire le porte del Centro G. Vitale, a beneficio del quartiere Zen 2 e della città.
Parteciperanno all’evento la neo presidente Mariangela Di Gangi, la presidente onoraria Bice Mortillaro, e diversi rappresentanti della politica cittadina e della società civile, oltre che alcuni membri del Consiglio comunale. Sarà possibile visitare i locali del Centro in occasione di un aperitivo di raccolta fondi utile alla messa a nuovo dell’edificio stesso.

“Nella consapevolezza che isolamento e abbandono costituiscano terreno fertile per illegalità e malavita, l’Associazione Laboratorio Zen Insieme invita i palermitani ad avvicinarsi ad una realtà che per crescere e cambiare necessita di essere vissuta e osservata in quanto parte di città, non dimenticata nella forma quartiere-ghetto”, dice Mariangela Di Gangi, neo presidente dell’Associazione Laboratorio Zen Insieme.

Scopo dell’Associazione Laboratorio Zen Insieme è quello di costruire opportunità e spazi di aggregazione in una zona delle nostra città che anni di abbandono delle istituzioni hanno condannato ad isolamento e illegalità, occupandosi di minori, contrastando l’abbandono scolastico e l’inserimento nella malavita organizzata di bambini e ragazzi; occupandosi di donne, spesso relegate in condizioni di subalternità sociale ed economiche, aiutandole a sottrarsi a sottomissione ed auto-ghettizzazione attraverso l’avviamento al lavoro e all’autonomia.