Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Dibattiti Il Laboratorio Zen Insieme di via Girandengo riapre le porte dopo due anni di chiusura

Ci vediamo a...

Il Laboratorio Zen Insieme di via Girandengo riapre le porte dopo due anni di chiusura

13luglio-zen2festaVenerdì 13 luglio 2012 festa di autofinanziamento alle ore 19 allo Zen 2
Dopo due anni di forzata inattività Laboratorio Zen Insieme riapre le porte. L’associazione dal 1988 opera allo Zen 2 svolgendo attività di volontariato a sostegno di bambini, ragazzi, donne e interi nuclei familiari del quartiere.

Venerdì 13 luglio 2012 alle 19 si svolgerà la festa-aperitivo di autofinanziamento, presso il Centro Sociale G. Vitale, in via Girardengo 18/20, che sarà di fatto l’occasione per riaprire le porte del Centro G. Vitale, a beneficio del quartiere Zen 2 e della città.
Parteciperanno all’evento la neo presidente Mariangela Di Gangi, la presidente onoraria Bice Mortillaro, e diversi rappresentanti della politica cittadina e della società civile, oltre che alcuni membri del Consiglio comunale. Sarà possibile visitare i locali del Centro in occasione di un aperitivo di raccolta fondi utile alla messa a nuovo dell’edificio stesso.

“Nella consapevolezza che isolamento e abbandono costituiscano terreno fertile per illegalità e malavita, l’Associazione Laboratorio Zen Insieme invita i palermitani ad avvicinarsi ad una realtà che per crescere e cambiare necessita di essere vissuta e osservata in quanto parte di città, non dimenticata nella forma quartiere-ghetto”, dice Mariangela Di Gangi, neo presidente dell’Associazione Laboratorio Zen Insieme.

Scopo dell’Associazione Laboratorio Zen Insieme è quello di costruire opportunità e spazi di aggregazione in una zona delle nostra città che anni di abbandono delle istituzioni hanno condannato ad isolamento e illegalità, occupandosi di minori, contrastando l’abbandono scolastico e l’inserimento nella malavita organizzata di bambini e ragazzi; occupandosi di donne, spesso relegate in condizioni di subalternità sociale ed economiche, aiutandole a sottrarsi a sottomissione ed auto-ghettizzazione attraverso l’avviamento al lavoro e all’autonomia.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa