Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Ci vediamo a... Dibattiti Quinto "Festival dell’impegno civile" - dal 6 giugno

Ci vediamo a...

Quinto "Festival dell’impegno civile" - dal 6 giugno

liberabanner2L’anti-camorra nelle terre dei boss
Musica, teatro, libri e incontri sui terreni confiscati: è il quinto «Festival dell’impegno civile»

CASERTA - Si apre mercoledì sera la quinta edizione del Festival dell'impegno civile promosso dal Comitato don Peppe Diana, da Libera Caserta, sotto l'alto patronato della Presidenza della Repubblica. Incontri, teatro e musica nei terreni confiscati alla criminalità organizzata: nelle ville, negli appartamenti, sui campi una volta appartenuti ai boss ci saranno rappresentazioni, concerti, presentazioni di libri e dibattiti.

Tra giugno e luglio due mesi fitti di appuntamenti sul tema che per l'edizione di quest'anno è “Il bene liberato”. “I beni confiscati - dice Valerio Taglione, del comitato don Peppe Diana e di Libera Caserta - sono simboli concreti di riscatto sociale e civile dalla violenza mafiosa, ma anche opportunità reale di uno sviluppo sostenibile e inclusivo. Riappropriarsi dei beni confiscati, farne un patrimonio comune, renderli luoghi aperti e accessibili a tutti, contribuisce in modo determinante a liberare il bene e a costruire una società che non è costretta alla paura e al silenzio”.

LA KERMESSE ITINERANTE - Un Festival itinerante che si sposterà tra le province di Napoli, Caserta e Avellino. Il viaggio inizia il 6 giugno alle 20 con l'iniziativa “Per chi ha fame di diritti, i sapori dell'impegno”. La presentazione del festival alla stampa si terrà nel bene confiscato di via Ruffini, a San Cipriano d'Aversa (Caserta), legato alla Nuova cucina organizzata che farà assaggiare le sue prelibatezze dopo essere stata a rischio chiusura. “La scelta di partire da San Cipriano - dice Taglione - è stata fatta per affermare che siamo al fianco di familiari, cooperative, persone sostenute da Progetti terapeutici individualizzati nella lotta per la difesa di questa metodologia troppe volte messa in discussione”. Nel corso della serata si decideranno le forme di sostegno che il Festival potrà portare ai terremotati dell'Emilia e sarà lanciata la raccolta firme per chiedere il conferimento della medaglia d'oro al valor civile alla memoria per Joseph Ayimbora, il giovane ghanese sopravvissuto alla strage di Castel Volturno del settembre del 2008, divenuto uno dei principale testimoni d'accusa contro il gruppo del camorrista Setola, prematuramente scomparso lo scorso febbraio.


Tratto da: corrieredelmezzogiorno.corriere.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa