Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Territorio Conte non sarà Cincinnato

Alternativa

Conte non sarà Cincinnato

di Giulietto Chiesa
Il primo ministro Giuseppe Conte ha tutta l’aria di quel ciclista-scalatore che, all’inizio della salita, si mette in testa al plotone e fa capire che sarà lui a decidere il ritmo

Così il primo risultato - sempre che abbia fiato sufficiente e muscoli a posto - sarà quello di sgranare il gruppo, togliere di mezzo le scartine, e affrontare i concorrenti più temibili scattando in continuazione, tagliando loro le gambe, e arrivando al traguardo da solo.
La metafora ciclistica si attaglia perfettamente alle sue ultime mosse. Lo “scatto” a proposito del sottosegretario Siri è stato davvero imperioso. “Se ne deve andare, punto e basta”. A quanto pare neanche Luigi Di Maio si aspettava tanto. Ma Conte ha agito da solo e non come uomo dei 5Stelle. Anche Salvini ha dovuto abbozzare, brontolando ma, tutto compreso, tirando anche un sospiro di sollievo: più comodo fingersi sconfitto, invece di resistere con una pietra al collo. Ci sarà tempo e modo per pareggiare il conto.
Ma il risultato finale di questa tenzone ci restituisce un capo del governo che sovrasta di un buon palmo i due primi vice-ministri. Lo scatto all’inizio della salita ha già creato il vuoto dietro di lui. Ed è il secondo. Pochi giorni addietro la sua presenza a Pechino, per il Forum organizzato da Xi Jinping, e l’incontro con Vladimir Putin, avevano fatto alzare tutti i sopraccigli filo altantici europei e italiani. E, anche in quel caso, la mossa ha avuto, inequivocabilmente, il segno di una decisione personale.
Né Di Maio, né Salvini, si sarebbero spinti a tanto. Per le ragioni più diverse, naturalmente. Salvini è tutto teso a lanciare segnali a Washington, che spera alleata nel prossimo scontro con l’Europa brussellese. Di Maio non ha ancora deciso come collocarsi, ma nell’attesa guarda ai “mercati”, che di certo guardano il più forte. Nessuno dei due avrebbe compromesso il proprio - vero o presunto - patrimonio politico, mostrandosi “sgarbato” verso l’alleato-padrone d’oltre oceano. Giuseppe Conte ha premuto su due pedali e ha addirittura approfittato dell’incontro con Putin per mettere a punto una correzione della posizione italiana sulla Libia.

Se tutti commentatori italiani non fossero così distratti dalle dispute casalinghe, si sarebbero accorti che qualche cosa di nuovo sta accadendo. E questo “qualcosa” è il fatto che Giuseppe Conte sta vedendo il traguardo in cima alla salita e vuole arrivarci da solo. E, per arrivarci da solo, deve supplire all’assenza di una politica estera del governo e dell’Italia.

l traguardo è, come tutti sanno, il 26 maggio. Quale che sia l’esito europeo del voto, una cosa è chiara a tutti. I rapporti di forza all’interno del governo saranno clamorosamente rovesciati: a occhio e croce la Lega di Salvini raddoppierà rispetto al 4 marzo 2018 e il Movimento 5 Stelle dimezzerà le sue percentuali (ed è l’ipotesi migliore per Di Maio & company). Le dichiarazioni di facciata lasciano credere che il governo intende unanimemente coprire l’intero percorso dei 5 anni di legislatura. Cosa che appare a prima vista come ragionevole e vantaggiosa per entrambi. Ma è davvero difficile che la convenienza di Salvini coincida con quella di Di Maio.
La situazione che si presenterà al mondo dopo il 26 maggio sarà tra le più paradossali che si possa immaginare. Ci sarà un Parlamento dove i rapporti di forza non corrisponderanno a quelli del corpo elettorale. E nemmeno la composizione del Governo sarà corrispondente ai nuovi rapporti di forza. La scacchiera su cui si è giocata la partita fino ad ora sarà rovesciata. Molti pezzi potrebbero cadere. Non ci si può avventurare nelle previsioni, anche perché - tornando alla metafora ciclistica - qualcuno del gruppone degl’inseguitori, cercherà di raggiungere i fuggitivi.
Ma c’è più d’un motivo per pensare che Giuseppe Conte si senta fuori dagli obblighi di parte e intenda giocare da solo. Difficile davvero pensare a lui, a questo punto, come a un Cincinnato che torna all’aratro universitario. Le sue mosse ci dicono che, entrato in politica quasi per caso, intenda restarci ben saldo. In fondo il panorama offre ben poco di meglio. Il destino politico del partito che lo ha portato nella sua attuale pozione non corrisponderà più alle sue ambizioni. Da buon giocatore ne prepara lui stesso altre, più confacenti.

Tratto da: it.sputniknews.com

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa