Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace Partita a scacchi di Matteo Renzi

Alternativa

Partita a scacchi di Matteo Renzi

di Giulietto Chiesa
Il governo giallo fuxia traballa, ma è un “misirizzi”, cioè in fondo non cade mai. La ragione è semplice e banalissima: nessuna delle forze che lo compongono è interessata a farlo cadere. Qualcuna è addirittura terrorizzata all’idea che cada.

Ed è il Movimento Cinque Stelle che, in caso di liquidazione del “Conte Bis”, perderebbe in un colpo solo, alle prossime elezioni, i quattro quinti dei suoi attuali 320 deputati e senatori.

Ma le cifre dei sondaggi diventano sempre meno propizie per l’attuale maggioranza. In particolare, appunto, per il M5S, che è sceso in questa settimana di un altro 0,7%, totalizzando un comunque troppo generoso 14,3%. Generoso perché molto al di sopra dei miserrimi risultati ottenuti nelle due recenti elezioni regionali di Calabria e di Emilia-Romagna. Il Partito Democratico guadagna un punto percentuale risalendo al di sopra del 20% (20,6), recuperando la perdita del maggiore alleato.

Ma quello che è più evidente è il risultato complessivo dell’opposizione, cioè della sommatoria dei voti potenziali della Lega di Salvini, di Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e di Forza Italia di Silvio Berlusconi. Anche su questo fronte è tutto un sali-scendi, perché la Lega arretra un pochino (0,3, restando al 30,4%, primo partito nazionale con grande distacco su tutti gli altri); Forza Italia arretra dello 0,2, attestandosi al 6,3%; mentre Fratelli d’Italia cresce dello 0,2, arrivando all’11,5, il suo record di sempre. Ma è la somma delle tre destre che fornisce il dato politico più eclatante, sfiorando la maggioranza assoluta dell’elettorato italiano: 49,2%.

Brividi di terrore, quindi, nelle schiene e schiere governative. Se si andasse a votare domani, il governo sarebbe di destra (non più di centro-destra, proprio di destra), con Matteo Salvini primo ministro. Così il Presidente Mattarella convoca al Quirinale il premier Conte, evidentemente nel tentativo di evitare una crisi politica immediata.

Che non ci sarà comunque, ma che fa traballare la barca italiana, ultimo paese d’Europa quanto alle previsioni di crescita economico industriale. Ma qual è il problema? Si chiama Matteo Renzi. Che è ancora all’interno della maggioranza di governo, con la sua piccola pattuglia di Italia Viva, ma che sta facendo un grande rumore sulla confusa questione della riforma della giustizia e, in particolare sullo spinosissimo problema della cosiddetta “prescrizione”. Lui vuole tenerla, mentre il governo vuole eliminarla o ridurla (non si capisce bene). Tra urla, strilli e minacce, Renzi difende i suoi propri interessi e quelli di papà, sotto inchiesta e sotto processo in diverse contese giudiziarie.

Ma questo è il meno. Renzi fa spettacolo per rimanere al centro dell’attenzione politica nazionale il più a lungo possibile. È questo il motivo più importante. La sua forza parlamentare attuale è piccola, grande quanto basterebbe per far mancare la maggioranza al “Conte 2”. Ma poi che succederebbe? Che si va a votare e Renzi rischia di non superare neanche il quorum per entrare in parlamento con la legge elettorale vigente. Dunque gli strilli, i ricatti e le minacce non andranno fino alla crisi.

E allora perché lo fa? Per tenere tutti sulla corda nell’immediato e, in prospettiva, per lanciare un segnale politico molto più importante. Quello che non si vede oggi ma si potrebbe vedere meglio dopodomani. In sostanza potrebbe essere questo: oggi Salvini è il leader indiscusso della destra, ma il tempo lungo non giocherà per lui. Le classi dirigenti europee non lo accetteranno: troppo irruento, forse pericoloso per il suo populismo incontrollato, giocatore d’azzardo. Avranno bisogno di un moderato. Dunque dovranno prima metterlo fuori gioco. Poi, quando verrà il momento, a fine legislatura, sceglieranno il moderato di destra, quello che percepiranno come omogeneo a loro. Eccolo qua, sarà lui. Una scommessa, che sicuramente Matteo Renzi non fa alla cieca. Chi lo sorregge sono poteri “potenti”, che la pensano come lui. E Matteo Renzi scopre le carte facendo passare il suo unico deputato europeo dal gruppo riformista a quello di Emmanuel Macron. Potrebbe essere uno scacco matto in tre mosse.

C’è solo un ma: che un candidato di destra moderata c’è già, e si prepara ad esserlo. Anzi ad esserla. E si chiama Giorgia Meloni.

Tratto da: it.sputniknews.com

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa