Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace Giulietto Chiesa a un lettore: ''Non c’è una visione comune della crisi epocale in cui viviamo''

Alternativa

Giulietto Chiesa a un lettore: ''Non c’è una visione comune della crisi epocale in cui viviamo''

''Concedi al tuo servo un cuore prudente, capace di giudicare il tuo popolo innumerevole e discernere il bene dal male'' (Primo Libro dei Re, 3, 4-12)

(Risposta a Enrico Sanna)
Caro Maestro Chiesa sto seguendo con molta attenzione i suoi interventi su Pandora e ho notato con quanta serietà, amarezza, tristezza e rassegnazione discute e analizza la nostra stagione storica. Ormai in Italia abbiamo un parlamento che non esprime e rappresenta nessuna delle istanze del popolo e sono consapevole che i padroni occidentali hanno troppo potere da riuscire a impedire che ciò accada. Tuttavia La invito a non porre fine al progetto della lista del popolo perché è ciò di cui abbiamo bisogno. Forse si parte battuti in partenza ma meglio morire lottando a mio avviso che stando a guardare. Forse è stufo di sentirsi avanzare questa mia richiesta anche da tante altre persone che in lei ripongono stima e fiducia, tuttavia ho voluto anch'io fare il mio tentativo anche a costo di un secco no o di essere mandato al diavolo. Caro Giulietto l'Italia non ha una guida un partito, un movimento che la difenda e per come siamo messi, cioè in condizioni disastrose, servirebbe ben altro che solo la politica. Una casa in macerie deve essere ricostruita dalle fondamenta e noi siamo ben lontani da ciò. Ma l' essere fermo e non lottare rende il popolo complice della sua disfatta e distruzione. Confido nella sua saggezza e in una risposta degna della sua alta persona. Con affetto. Enrico.



Caro Sanna, l’incipit della mia risposta è volutamente solenne. Come merita la tua domanda. Non contiene però nessuna rassegnazione, né tristezza. Perché da tempo ho capito che quello che si sogna è quello che si spera, ma che in politica non si deve sognare. Siamo di fronte a un popolo confuso e inquieto, da troppo tempo sballottato e insultato, che ha perduto anche le sue speranze. Un popolo che non ha gli strumenti per capire, senza guida. Nemmeno quella della propria coscienza, perché anche la sua coscienza è stata corrotta. Perché - come ha scritto Antonio Scurati nel suo davvero memorabile “M” - sono troppi i nostri contemporanei ad essere “sopraffatti da un’esistenza che non capiscono”.
Dunque occorre prudenza per giudicare un popolo, grande di numero, e per proporsi di aiutarlo a discernere il bene dal male. È vero, verissimo, come tu scrivi, che non c’è una guida, un partito, un movimento che lo guidi e lo difenda, questo nostro popolo. Ma la constatazione porta con sé la domanda: come si fa a creare questa guida? E l’altra domanda: è ancora possibile?
Questo è il punto. La mia risposta, personale, è che sia ancora possibile. Ma richiede quella che Antonio Gramsci individuava come una necessità imprescindibile: una profonda “riforma intellettuale e morale” del nostro paese. È un compito da far tremare le vene ai polsi, perché richiede uomini nuovi, intrepidi, competenti, e saggi, che non vedo all’orizzonte. Quindi il primo compito, per chi ragiona come lei (e come me) è quello di individuarli, censirli, convincerli a camminare insieme perché solo in questo modo si potrà creare una massa critica sufficiente a rovesciare il corso delle cose.
Queste donne e uomini ci sono, non sono numerosissimi, ma ci sono. Sono in gran parte isolati e fuori dalla politica (e sono tali proprio perché la politica attuale li esclude e ii isola, temendoli). Il fatto più serio, tuttavia, è che non c’è ormai quasi nulla che possa unirli. Non c’è una visione comune della crisi epocale in cui viviamo. Che non è “italiana”, né “europea” soltanto. È mondiale, è globale, è universale. Per essere compresa richiede nuovi paradigmi, visto che quelli vecchi sono ormai inutilizzabili. Il mondo brucia e il tempo stringe.
Dunque quello che manca è una comune interpretazione della crisi, che è crisi dell’Uomo e della sua collocazione nell’Universo. È questo quello che manca e che, a mio avviso dev’essere costruito. Non ri-costruito ma proprio costruito. Senza questo passaggio non ci può essere alcun movimento o partito capaci di avviare la trasformazione. Si resterà divisi, ciascuno a contemplare il proprio tassello di sapere. Che, in quanto tale, sarà inutile. È una rivoluzione quella che incombe. Senza una teoria, non sarà possibile compierla. Altrimenti essa non sarà certamente guidata dall’Uomo, perché sarà immensamente più vasta e potente di lui. All’uomo resterà il compito di comprenderla, se ne sarà capace, e di adattarvisi, se vuole sopravvivere.
Ecco perché ci vuole adesso molta pazienza e umiltà, per cominciare a costruire quello che manca. La politica farà il suo corso miope e superficiale, ma non potrà affrontare quello che incombe.
Ecco perché non credo alla fretta, alle fughe in avanti, alle speranze senza fondamento, a una palingenesi rapida e indolore. Penso che l’impatto con forze enormi, che l’Uomo ha evocato irresponsabilmente, provocherà dolori immensi e aiuterà a temprare gli spiriti molli che questa società umana ha lasciato putrefare. Il che significa rimboccarsi le maniche e mettere ordine nelle nostre idee, prima di tutto. Solo dall’ordine, dalla saggezza e dalla solidarietà tra sapienti e popolo può venire il riscatto.

Tratto da: facebook.com

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...

ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...


SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...

IL LEGIONARIO

IL LEGIONARIO

edited by Luca Palestini

Italia, 1974-1983. Nel Paese delle stragi senza colpevoli,...


GIUDIZIO UNIVERSALE

GIUDIZIO UNIVERSALE

by Gianluigi Nuzzi

l nuovo libro di Gianluigi Nuzzi. Un viaggio...

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa