Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace La forbice giallo-verde si allarga

Alternativa

La forbice giallo-verde si allarga

salvini di maio c imagoeconomicadi Giulietto Chiesa
Secondo i sondaggi, ultimo dei quali quello di LXÈ, riferito dall’agenzia ANSA, le intenzioni di voto degli elettori italiani, a sei mesi dal voto del 4 marzo, starebbero registrando notevoli cambiamenti in corso.

Si tratta di dati che confermano quelli di altre rilevazioni di altri istituti. In primo luogo quello più importante: la Lega di Matteo Salvini starebbe sorpassando in modo massiccio il M5S. Quest'ultimo starebbe perdendo all'incirca il 6% dei propri suffragi. Il che lo collocherebbe attorno al 26/27%. Da dove prenderebbe consensi la Lega? Circa il 10% del voto grillino si starebbe spostando dai 5 Stelle proprio verso la Lega.

Dunque questo significherebbe che i 5 Stelle, pur perdendone verso la Lega, stanno guadagnando consensi da qualche altra parte. Per esempio nel campo del PD, e/o in quello degli astenuti alle ultime elezioni, che fu un campo molto vasto. Quello ch'è certo - sempre stando a questi sondaggi - è che il PD non guadagna nulla: qualche rilevazione lo descrive come stabile, qualche altra lo dà in leggero calo.

Tornando ai due partiti del governo giallo-verde, lo stato dei loro rapporti, nella percezione che ne hanno i loro lettori, rivelerebbe due situazioni specularmente opposte. La Lega avrebbe il più alto "tasso di riconferma" dei propri elettori. Cioè il 90% dei suoi elettori del 4 marzo oggi ri-voterebbe come allora. Invece il M5Stelle ha un tasso di riconferma attorno al 70%, più basso di venti punti. Il che dice che almeno il 30% di coloro che votarono per i 5Stelle, oggi non voterebbero più in quel modo. E la rilevazione dice che un altro 10% degli ex elettori grillini è oggi incerto sul da farsi.

Cifre che, se si confermassero, aprirebbero molti problemi sia nella stessa direzione del M5Stelle, sia nei rapporti interni al governo nel suo complesso. Di Maio e i suoi dovranno presto trarre qualche conclusione e produrre - se vogliono fermare l'emorragia - qualche mutamento di stile e di contenuti.

La Lega, e Salvini in particolare, in questo momento avrebbe triplicato i voti del 4 marzo e, in caso di elezioni anticipate sarebbe oggi il primo partito italiano. Anche però a spese di Forza Italia (leggi Berlusconi) che perderebbe circa 1/3 del proprio elettorato. Questo spiegherebbe l'arrendevolezza mostrata da Berlusconi sulla nomina a presidente della Rai di Marcello Foa, candidato di Salvini respinto in prima battuta e ora accettato in una trattativa segreta, nella quale Salvini avrebbe accettato qualche richiesta "imprenditoriale" Berlusconi, nella sua qualità di padrone di Mediaset.

Un do ut des però del tutto squilibrato a vantaggio di Salvini, che accrescerebbe a dismisura, con la Rai, il suo potere mediatico, passando da zero a tre (nuovo passo triplo a cui sta abituando gli italiani). Certo la nomina di Foa a Presidente Rai non gli da alcun potere automatico, sia perché Marcello Foa ha l'aria di voler difendere la propria autonomia, sia perché lo schieramento avversario - che potrebbe trasformarsi perfino in una qualche convergenza tra PD e M5S - è intenzionato ad alzare barricate su ogni passaggio implicante nomine dei direttori di reti e telegiornali.

Certo è, tuttavia, che in questa fase Salvini non è interessato a compromettere l'alleanza con la destra di Berlusconi e Meloni. La sommatoria attuale vede il centro-destra, pur con tutti i travasi in corso, attorno al 43% dei consensi. Se si votasse con il sistema elettorale in corso (e se la faccenda fosse a breve non ci sarebbe altra alternativa), il centro-destra prenderebbe il premio di maggioranza. E Salvini potrebbe liberarsi di un alleato numericamente forte, e quindi condizionante, per sostituirlo con due alleati deboli. Situazione molto più comoda.

Ma le divisioni potenziali tra i partiti di governo potrebbero rivelarsi cosa minore rispetto a quella tra il ministero delle Finanze e gli obiettivi su sui sia i gialli che i verdi hanno convinto la maggioranza degli italiani a votare per loro. Il ministro Tria, dietro il quale s'intravvedono facilmente il presidente Mattarella e il Grande Padrone Mario Draghi, potrebbero decidere di "non trovare" i 10 miliardi di euro necessari per mantenere le promesse agli elettori in materia di flat-tax, di reddito di cittadinanza e di correzione della legge Fornero. E allora sarebbero guai.

Tratto da: it.sputniknews.com

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa